Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Territori

Scoperte

Un’identità di montagna e la bellezza dell’arte urbana: Chiusano è il paese che ci vuole

Il terremoto del 1980 ha lasciato in eredità solo cemento armato e palazzoni, così per riprendersi il territorio ci voleva che si diffondessero sculture e murales in diverse zone del paese: il sindaco Carmine De Angelis è alla guida di questa amministrazione lungimirante che ha coinvolto i cittadini nelle scelte per la valorizzazione, le opere realizzate fin ora sono sei, rientrano nel progetto LIMESN e noi siamo stati tra il Borgo Antico, Fontanavecchia, l’eremo, Collina San Domenico e le varie stradine per capire come lo stile e la creatività degli artisti sia entrato a far parte della vita della comunità

Bisogna reagire al brutto. E se il terremoto del 1980 ha lasciato in eredità solo cemento armato e palazzoni, per riprendersi la bellezza ci vuole un progetto di arte diffusa: così ha fatto Chiusano, che è un Comune di montagna con duemilacinquecento abitanti e un’amministrazione lungimirante guidata dal sindaco Carmine De Angelis. Riqualificazione dopo la ricostruzione, al suo arrivo De Angelis ha prima di tutto sistemato i conti comunali, tagliando gli sprechi, ha attuato la misura del bilancio partecipato e poi ha deciso di lavorare sulle possibilità dei fondi europei per la valorizzazione (...)

1

continua la lettura

Storie di restanza

Ludovico ha capito tutto: così rinasce l’Irpinia

Nel 2008 un gruppo di amici ha cominciato a credere fortissimamente nella musica, nasceva così il Ludovico Van Festival: sei edizioni e tanti artisti sul palco, poi la fine che ha avuto un sapore amaro. Ma quel progetto non è morto, è rimasto in silenzio e oggi torna a vivere con lo stesso spirito tra le mura della vecchia gendarmeria del Castello della Leonessa. «Un habitat sociale, un punto di incontro per tutti gli isolani di montagna come noi che hanno bisogno di guardarsi negli occhi e di creare un’alternativa per questa terra»

Dieci anni fa – nel lontano 2008 – un gruppo di amici ha cominciato a fare della musica la propria quarta dimensione partendo da un contest di gruppi irpini. Poi tutto si è fatto grande diventando il Ludovico Van Festival: 24 (...)

continua la lettura

Rinascite possibili

Cairano è un Borgo Biologico che respira futuro

Con l’architetto Angelo Verderosa e Dario Bavaro - presidente di “Irpinia 7x” – abbiamo parlato di questo progetto corale, partito vent’anni fa e arrivato alla Biennale di Venezia tra le più belle architetture del mondo, ospiterà per tre giorni gli allievi del Master CasaClima-Bioarchitettura della Lumsa per raccontare le possibilità del riabitare nei piccoli paesi dell’Appennino: recuperato con materiali e maestranze locali, si è lavorato manualmente, salvando quello che esisteva, con un’attenzione particolare all’impatto ambientale. Un organo a canne, installazione permanente unica al mondo, sarà suonato dal vento sulla rupe e le nuove strutture ospiteranno la scuola delle Arti dello Spettacolo di Franco Dragone: la rinascita è cominciata

CasaClima-Bioarchitettura è il Master di II Livello che si tiene a Roma presso l’Università Lumsa ed ha un legame con il nostro territorio perché torna per il secondo anno a Cairano protagonista di una tre giorni (13-14 e 15 (...)

continua la lettura

Belle iniziative

Tra i Luoghi del Cuore del FAI c’è il Borgo di Capocastello: basta un click per salvare questo piccolo tesoro

Non esisteva ancora una scheda sul borgo medievale di Mercogliano, ci ha pensato Giuseppe Salvio insieme a due associazioni a descriverlo, proprio quest’anno in cui la manifestazione che l’ha reso famoso e meta di moltissimi visitatori – Castellarte - ha rinunciato alla sua XXV edizione per le condizioni di abbandono in cui si trova: un gesto d’amore potrebbe trasformarsi in un progetto di recupero reale, posto in essere attraverso interventi concreti e decisivi finanziati da Intesa SanPaolo, ma c’è bisogno di partecipazione per uscire dall’immobilismo

Luoghi del Cuore è un modo di dire entrato ormai nel lessico comune e utilizzato abitualmente per indicare luoghi unici, una mappa variegata e sorprendente formata da siti per noi speciali perché legati alla nostra identità e (...)

continua la lettura

1

L’intervista

«I fatti di Ariano erano nell’aria: l’età media dei detenuti scende, mentre ne aumenta il disagio». Carcere e diritti: parola al Garante

A parlare è Carlo Mele, questa volta nelle vesti di garante dei diritti dei detenuti: «Ero stato nell’Istituto del Tricolle giovedì e avevo scritto alle amministrazioni competenti una missiva che ha poi trovato fatale riscontro. La struttura, creata per massimo 180 persone, accoglie 320 reclusi. Tantissimi i giovani indigenti e molto poco istruiti, leve perfette per la criminalità. Nuove carceri? Ci sono già ma sono chiuse per mancanza di personale. Non serve reprimere: serve rimettere al centro la scuola e il lavoro»

«Giovedì scorso sono entrato nel Carcere di Ariano alle 9.45 e ne sono uscito alle 15. Dopo quella lunga visita, ho scritto una nota a tutte le istituzioni competenti fino al livello nazionale: che qualcosa sarebbe accaduto (...)

continua la lettura

Archivio