Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Territori

L’intesa

Trasformazione dei rifiuti a basso impatto: Università e Arpac scelgono lo Stir

«Aver individuato lo Stir per questo tipo di indagini – spiega Boccalone – conferma che si tratta di un impianto ritenuto idoneo dagli enti di ricerca e al cui interno la qualità dell’aria è tale da consentire sperimentazioni le cui valutazioni hanno una doppia valenza: una di natura tecnica e produttiva, l’altra di impatto ambientale»

Il Consorzio per il Miglioramento e l’Efficienza Energetica, il Centro Interdipartimentale Sistemi per l’Innovazione e Management dell’Università di Salerno e l’Arpac scelgono lo Stir di Avellino per avviare una sperimentazione volta all’identificazione di soluzioni tecnologiche competitive per il trattamento rifiuti con impianti che rispondano alle logiche dell’efficienza, dell’economicità e della sostenibilità. L’amministratore unico di Irpiniambiente, Nicola Boccalone, ha sottoscritto con i partner l’accordo di collaborazione per attività di Ricerca ed Analisi che si svilupperà, presso l’impianto (...)

1

continua la lettura

Botteghe di territorio/3

Il sapore di Bisaccia è quello del pane di Maria Antonietta: dal 1976 nel suo forno passa la vita del paese

Siamo alla terza tappa del nostro viaggio attraverso l’Irpinia e le sue storiche attività, questa volta abbiamo assaggiato la pezzella moscia del Panificio Masucci e la nostra guida è stata una vera maestra dell’arte bianca: farina di grano duro, qualche granello di sale, un po’ di lievito e lo crescente hanno accompagnato questa storia di inconsapevole restanza che è cominciata quarantatré anni fa con un ritorno dalla Svizzera. Nel vicolo in pietra entrano tutti per trovare quella prossimità che c’è solo nei piccoli comuni

Ci vuole molta pazienza, un soffio di farina, qualche granello di sale, un po’ di lievito e lo crescente per fare il pane più buono mai assaggiato, le pizze, le focacce, i biscotti e i taralli. Ma soprattutto la pezzella (...)

continua la lettura

La nota

Tempio per la cremazione, Pratola Serra dice sì ad un impianto «tecnologico e all’avanguardia»

Approvata in assise la proposta di un project financing, sarà realizzato presso il Cimitero Comunale della frazione San Michele. Per il sindaco Aufiero: «una forma di emancipazione sociale. Non c’è alcun rischio di inquinamento ambientale grazie alle camere di contenimento dei fumi che saranno realizzate ad impatto ambientale zero»

Approvata la proposta di un project financing per la realizzazione di un Tempio della Cremazione nel corso del Consiglio Comunale di ieri sera a Pratola Serra. Una proposta innovativa e di emancipazione sociale perché al passo (...)

continua la lettura

La riflessione

E noi sappiamo qual è in Irpinia il dislivello tra montagna e città?

Partendo da una video-ricerca realizzata dall’associazione Dislivelli che racconta questo rapporto tra la Città Metropolitana di Torino e le terre alte intorno, abbiamo provato a capire chi guadagna e chi perde in termini di scambi di materie prime, beni e servizi, flussi di persone, per arrivare a mostrare come anime diverse dialogano e interagiscono, o potrebbero farlo meglio e con maggiore efficacia in futuro: questo discorso lo abbiamo poi calato sul nostro contesto provinciale, nella relazione tra piccoli paesi e Capoluogo, ma non è andata molto bene perché a noi uno studio così è sempre mancato e oggi ci ritroviamo con due contesti isolati, nonostante il Progetto Pilota

Dal negoziante di attrezzature sportive per la montagna al libraio, dalla guida cicloturistica all’agronomo, dal casaro all’imprenditrice della birra, dal volontario impegnato nel recupero di antichi sentieri al viticoltore, (...)

continua la lettura

Il fatto

Ordinaria follia al "Moscati", paziente sferra un pugno ad un infermiere. Gli operatori: «Condizioni di lavoro impossibili»

Ancora un’aggressione al reparto di emergenza della Città Ospedaliera. La rabbia del sindacato degli infermieri: «Le cose non stanno affatto come racconta l’azienda, operatori e pazienti sono vittime della stessa carente organizzazione»

Nuovo pomeriggio di ordinaria follia al pronto soccorso dell’ospedale “Moscati” di Avellino. Un infermiere del 188 sarebbe stato colpito da un pugno – nella giornata di ieri – sferrato da un paziente in codice giallo che era stato (...)

continua la lettura

Archivio