Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Sport

La nuova stagione

Fare cassa e pescare giovani migliori da Juve, Inter e Atalanta: l’Avellino stringe i tempi

In uscita si provano a piazzare, con la migliore offerta, Bidaoui, Solerio, Migliorini, Paghera e Moretti. In entrata da affiancare agli esperti piacciono i baby biaconeri Tripaldelli e Zanandrea, i nerazzurri sponda Milano Sala, Nolan e Di Gregorio e il nerazzurro sponda Bergamo, Melegoni

Fare cassa e puntare sui giovani, obiettivi semplici e chiari in casa Avellino. La politica di quest’anno è fare poche cose e farle bene. Basta sperpero di denaro, basta salti nel vuoto, basta investimenti improduttivi. L’obiettivo è quello di tornare al passato, all’era Rastelli tanto per intendersi, e alla gente esperta affiancare giovani motivati che vogliono sfruttare il trampolino di lancio Avellino. Il direttore sportivo Enzo De Vito è a lavoro dunque sul doppio fronte. Per fare cassa è necessario liberarsi di quei giocatori che se ceduti alle condizioni della società possono far entrare (...)

continua la lettura

L’intervista

«Expectations are limitations. La Sidigas può arrivare ovunque, basta volerlo»: basket pensiero del soldato Vucinic

Quattro chiacchiere con il nuovo coach della Scandone impegnato, nella costruzione del roster: «Il 6+6 ci impone di concentrarci prima sugli italiani. Per gli stranieri cerchiamo in Turchia, ma il nostro punto di partenza si chiama Filloy». Sull’esperienza in Nuova Zelanda: «I Maori mi hanno insegnato a non pensare se gli avversari sono superiori o inferiori, ma solo a vincere». Sul suo modo di allenare: «Non domino con la voce, ma con la conoscenza, con la confidenza e con quello che so». Di nuovo in coppia con il diesse Alberani: «Sono estremamente positivo ed entusiasta»

Comprende l’italiano semplice, non lo parla ancora ma promette di farlo quanto prima, è ancora un po’ spaesato ma presto imparerà ad amare la città di Avellino che, nella sua semplicità, non ha mai deluso nessun forestiero. Ci (...)

continua la lettura

1

Il punto

Sidigas, c’è chi arriva (forse) e c’è chi parte: dopo Zerini, anche Parlato ai saluti?

L’ex brindisino è vicinissimo all’accordo con Brescia ma anche il cestista avellinese potrebbe lasciare la Scandone: per il nucleo italiano si ripartirà da Filloy e D’Ercole. La società monitora il mercato: alcuni big restano sotto osservazione, spunta il nome di Campogrande (Montegranaro)

Continuano le manovre in casa Sidigas e tiene banco, ovviamente, la questione italiani. Gli orizzonti sono, ormai, noti: il roster biancoverde, guidato da Nenad Vucinic, ripartirà sicuramente da Ariel Filloy e Lorenzo (...)

continua la lettura

La curiosità

Avellino-Belgio: binomio sempre più solido

Da Bembuana a Ngawa, passando per Bastien, Omeonga e Mokulu: un viaggio nei belgi del passato, del presente e del futuro che sognano di crescere e fare grande la squadra biancoverde

Da un paio di stagioni l’asse Belgio-Avellino ha caratterizzato il mercato dei biancoverdi. In principio fu Eddy Bembuana Keve: attaccante congolese naturalizzato belga, che nella stagione 2001-2002, nell’allora Serie C1, con (...)

continua la lettura

Il futuro

Sidigas-Zerini, possibile addio. C’è anche il dubbio Scrubb

Fumata grigia tendente al nero per l’ex capitano di Brindisi: possibile che la sua avventura in Irpinia finisca qui. La questione italiani potrebbe mettere in discussione anche la riconferma del canadese con passaporto britannico. Per il terzo assistente si fa il nome di Cavaliere, è divorzio con Barnabà

La Sidigas Avellino ed Andrea Zerini, dopo due anni, sarebbero vicini a salutarsi in maniera definitiva. Secondo rumors raccolti nelle scorse ore, i feedback dell’incontro tra l’ala fiorentina (arrivata in città lo scorso (...)

continua la lettura

Archivio