Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Società

Il personaggio

«13 giorni vissuti allo stato brado, ma "focused" fino all’ultimo metro. Non è ciclismo, è UltraCycling»: la nuova vita di Andrea De Gruttola

Lo avevamo lasciato 3 estati fa, alla ricerca di motivazioni: lo ritroviamo dopo 4mila km in giro per l’Europa. E’ arrivato 41° nella "Transcontinental Race" ed ha scoperto che il cicloturismo non gli basta più: «Vivo d’amore illimitato per la sfida e per il tramite (la bici, ndr). Servono motivazioni, disciplina e preparazione fisica. L’UltraCycling è una disciplina per pochi eletti, è ciclismo allo stato primordiale»

Cominciamo così, con una inversione dei ruoli. L’intervistato diventa intervistatore e viceversa. «Sai cos’è l’UltraCycling?». Più o meno. «E’ una specialità del ciclismo. Anzi, un modo per tornare a quello che era il ciclismo di una volta. È “ultra” perché è caratterizzato da distanze lunghissime da percorrere a dislivelli esagerati: parliamo di medie di 400 chilometri percorsi in un giorno con dislivelli che toccano i tremila metri. Capirai che quando corri in bici non conta solo la distanza ma quanto scali: ecco, vengo da una gara di un circuito non professionistico di UltraCycling. Per essere (...)

continua la lettura

L’appuntamento

Il riassunto della settimana/36

Toninelli, Salvini, Di Maio, Conte, Santanché. Pd verso Cinque Stelle e viceversa. Orde di ingegneri social e croci che emergono dalle macerie: tutto quello che abbiamo sentito in poche ore dal crollo del ponte di Genova

Crollo Ponte Morandi a Genova Poche ore dal crollo del Morandi e abbiamo già ascoltato: .Toninelli dà la colpa al Pd, a Del Rio e a Autostrade spa, ma fino ad oggi non abbiamo mai sentito parlare il governo di manutenzione (...)

continua la lettura

In viaggio per restare

Partito da Cape Town per arrivare ad Avellino: Rino, l’architetto sognatore innamorato di questa città

Sembrerà incredibile e un po’ folle ma questa è la storia di Rino Balsamo che ha lasciato una vita a Città del Capo – in Sudafrica - un buon lavoro, i genitori e il suo cane Cooper, ha preso il suo passaporto italiano ed è arrivato in Irpina, dove c’è il resto della sua famiglia: «Il sogno dei miei nonni e dei miei genitori è sempre stato quello di tornare nel loro luogo d’origine, oggi provo a realizzarlo io. Mi dicono che sono pazzo a voler restare, ma un pezzo del mio cuore è qui, mi piace tutto di questa città così tranquilla e così umana»

Questa si, sembrerà ai più una storia incredibile e un po’ folle. Un racconto che gira il mondo e sceglie di fermarsi proprio ad Avellino. A compiere il viaggio è stato Rino Balsamo che ha lasciato una vita a Città del Capo, un (...)

continua la lettura

3

Prima candelina

La playlist di tutte le playlist: 12 brani e 1 album per un anno di Orticafy

Orticafy – un po’ Orticalab e un po’ Spotify è la rubrica partita ad agosto scorso, quando volevamo salvarci dai tormentoni latini dell’estate bollente – vedi Despacito – e mettere insieme un po’ di buona di musica affidandola ai gusti, agli ascolti, alle sensazioni di chi la musica la fa, la passa nei locali, la recensisce, la porta live su un palco, la ascolta, la ama e ne ha fatto parte della vita: questo è il nostro modo di dire grazie a chi ha condiviso con noi un po’ degli artisti e delle note che ama, questi siete voi e questi siamo noi stretti in un linguaggio davvero universale

Questa avventura è iniziata ad agosto di un anno fa, quando volevamo salvarci dai tormentoni latini dell’estate bollente – vedi Despacito – e mettere insieme un po’ di buona di musica affidandola ai gusti, agli ascolti, alle (...)

continua la lettura

L’intervista

«Donare il sangue significa salvare vite e gli irpini lo sanno, il Moscati se la cava ma si può fare di più»: l’ematologo Volpe chiama i giovani

Il dirigente medico di I livello presso il Servizio di Ematologia dell’Azienda Moscati di Avellino spiega l’importanza della donazione del sangue e delle piastrine: «Senza non si potrebbe curare le malattie, fronteggiare gli incidenti, curare leucemie o fare trapianti, interventi di cardiochirurgia e ortopedia. Non si potrebbe, in pratica, garantire la vita di un paziente». Quella di Avellino è una provincia virtuosa ma non si può abbassare la guardia. Da Avellino, a Montella ad Ariano passando per le Unità di Raccolta l’appello è lanciato a tutti

Sempre più spesso, soprattutto nei mesi estivi, capita di ricevere sms sui proprio smartphone in cui si viene invitati a recarsi presso il proprio ospedale o l’Unità di Raccolta più vicina per donare sangue e fare fronte ad (...)

continua la lettura

Archivio