Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Società

L’intervista

Il bassautore Simone Vignola si fa Naufrago nel nuovo album: «Dalla composizione alla produzione, sono regista di tutto»

Pop, funk, melodia, groove e immediatezza: tredici nuove canzoni nel sesto album – creato col sostegno del pubblico tramite una campagna su MusicRaiser - del musicista avellinese, che pensa, scrive, suona, registra e produce da solo, come sempre originale nel miscelare basso e loop, dando questa volta grande importanza alla canzone e mettendo al centro la sua voce, senza togliere nulla all’identità del suo strumento

Continua ad essere una storia sorprendente, quella del bassautore Simone Vignola, che noi abbiamo incontrato per la prima volta ai tempi del suo album Somewhere: suonato, scritto, arrangiato, cantato, mixato e masterizzato da lui per dedicarlo alla piccola Penelope, la figlia che nel 2015 aveva pochi mesi. Tante cose sono cambiate ma non la sua abitudine di musicista che mette al centro l’uso virtuoso del loop in funzione del basso elettrico, combinando tecnica e accessibilità, creando curiosità per il suo virtuosismo, tanto naturale nell’esecuzione quanto studiato con attenzione. Dopo (...)

continua la lettura

Il commento

Siamo tutti di Corinaldo

La tragedia di Corinaldo reca due firme: l’insostenibile leggerezza di menti stupide, come quella del giovinastro che ha fatto irresponsabile uso dello spray urticante; e l’ingordigia speculativa di menti imprenditoriali criminali. Una tragedia che ci appartiene, a metafora delle potenziali tragedie cui siamo tutti esposti a causa della cultura dell’illegalità che sottende alla gestione dei servizi e delle attività della vita sociale. Pensiamo, solo per stare a pochi esempi all’Acqualonga, all’Isochimica, alla stragrande maggioranza delle morti bianche nei cantieri irpini. Cosa c’è dietro tutte queste tragedie?

Asia e Emma, 14 anni; Benedetta e Mattia, 15; Daniele, 16. Doveva essere una serata gioiosa. È diventata una tragedia. Assieme a questi ragazzi ha perso la vita anche la mamma di uno di loro, Eleonora: aveva accompagnato la (...)

continua la lettura

L’intervista

Il folk apocalittico di Giole Valenti: con il suo Herself attraverso un universo intimo e malinconico

Per capire come sta cambiando la musica e dove stanno andando i suoi progetti abbiamo fatto una chiacchierata con il songwriter palermitano prima della sua esibizione live, questa sera sul palco del Tilt!

Sarà una domenica dagli atterraggi morbidi quella del Tilt!: sul palco salirà Gioele Valenti con il suo progetto Herself per regalarci un concerto intimo e liberatorio, malinconico eppure pieno di speranza. Molte vite e tante (...)

continua la lettura

L’intervista

Dal Festival di Locarno alla prima serata su Rai Due: Roberta Cultrone ci racconta la sua passione d’attrice

Questa è una storia del Sud. Di un film sul meridione e di un’attrice avellinese che in questo lungometraggio ha recitato: Due Soldati di Marco Tullio Giordana andrà in onda venerdì 14 dicembre. Tutta la città sarà inchiodata al piccolo schermo per guardare l’opera di un maestro del cinema italiano e per godere dell’interpretazione di Roberta Cultrone, al suo esordio televisivo nel ruolo di Cristina: «Un’esperienza incredibile, al provino non credevo avessero scelto me, le giornate sul set sono state le più belle della mia vita»

Questa è una storia del Sud. Di un film che racconta il meridione e la sua gente e di un’attrice avellinese che in questo lungometraggio ha recitato. Due Soldati di Marco Tullio Giordana è stato presentato al Festival di (...)

continua la lettura

L’intervista

Napoli Centrale, il sassofono e noi: James Senese ci racconta quella musica a cui dobbiamo tanto

La scorsa primavera è stato pubblicato il doppio album live e antologico - Aspettanno ’o Tiempo - che racconta cinquant’anni di una carriera straordinaria: passando per i seminali Showmen, i Napoli Centrale - la formazione che più lo identifica – e le collaborazioni con l’amico Pino Daniele. A settantatré anni compiuti il sassofonista detta ancora a tutti la linea musicale: prima del suo concerto di sabato alla “Notte re la Focalenzia” di Castelfranci abbiamo fatto un viaggio insieme a lui in questo suo mondo trasversale ed ampissimo

Tutto quello che dalla fine degli anni sessanta ad oggi è passato fra i vicoli di Napoli gli deve qualcosa. James Senese la scorsa primavera ha pubblicato un doppio album live e antologico - Aspettanno ’o Tiempo - che (...)

continua la lettura

Archivio