Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Politica

Verso le regionali

Più Europa sta con De Luca senza se e senza ma, per una Campania libera dai populismi

L’intervento del professore Bruno Gambardella, dirigente nazionale e portavoce in Campania di Più Europa: «Ad ottobre abbiamo iniziato un confronto, diretto e franco, lontano da liturgie che ci affascinano ben poco e dall’esito per niente scontato, con il Governatore: se si ricandiderà sarà lui il nostro interlocutore per la costruzione di un’alleanza politica ed elettorale che si pone l’obiettivo di respingere ai confini della Campania la demagogia populista del M5S e il sovranismo della Lega e dei suoi alleati di destra»

Gentile direttore, Le elezioni che si terranno il prossimo anno in Campania hanno un significato che evidentemente va ben oltre il rinnovo del Consiglio della terza regione italiana. Qui il M5S, non più di un anno e mezzo fa, alle elezioni politiche, raggiungeva il 50% dei consensi. Qui la Lega alle elezioni europee dello scorso maggio sfiorava il 20%, raggiungendo un risultato inimmaginabile ai tempi del Carroccio bossiano a tradizione nordista, federalista se non addirittura separatista e antimeridionale. Qui il PD ha governato con Vincenzo De Luca che, piaccia o non piaccia dalle (...)

continua la lettura

L’intervista

«Abbiamo salvato I.I.A. e le infrastrutture irpine. Da De Luca a De Mita, da Confindustria ai sindacati, ci critica chi ha compiuto il disastro»

Generoso Maraia ne ha per tutti. Il parlamentare irpino del Movimento Cinque Stelle risponde a tutto campo alle obiezioni che in questi mesi sono state mosse alla deputazione pentastellata irpina: dalla Lioni-Grottaminarda all’Alta Capacità, dalla sanità a Industria Italiana Autobus. Durissime le stoccate al senatore Ugo Grassi, velenosi gli affondi a Bruno e De Mita. E sulle regionali non ha dubbi: «Il Pd non vuole De Luca. Se lui non ci sarà, il dialogo con i democrat sarà percorribile»

Onorevole Generoso Maraia, è indiscutibile – come confermano i sondaggi – che il Movimento Cinque Stelle stia vivendo una fase di grande difficoltà. C’è chi sostiene l’alleanza di Governo con il Pd, chi vorrebbe un riavvicinamento (...)

continua la lettura

2

Il fatto

Lega, arriva il Commissario: il senatore Pepe prende il posto di Morano

Nicola Molteni ha scelto il deputato lucano, vicepresidente della Commissione Antimafia, come nuovo referente locale del Carroccio

Il Commissario Regionale della Lega Salvini Premier Campania, Nicola Molteni, nomina il senatore Pasquale Pepe, vicepresidente della Commissione Antimafia, come nuovo responsabile provinciale di Avellino. Il deputato lucano (...)

continua la lettura

1

L’analisi

Se lo dice Clemente...

Più che all’imprenditore D’Agostino – il quale ha pronosticato la sconfitta di De Luca pur “non avendo sottomano la sfera di cristallo”, come si è affrettato a rilevare Enzo Alaia, e potendo tutt’al più disporre d’una qualche cartomante nel suo giro confidenziale molto stretto – forse il centrosinistra dell’Irpinia e della Campania farebbe meglio a porgere l’orecchio a ciò che ha detto ieri l’altro Clemente Mastella. Lo stesso che ha commissionato il sondaggio che ha spinto D’Agostino a dire quel che ha detto, una cosa sbagliata al momento sbagliato, forse perché dà troppo ascolto ai cattivi maestri di cui si circonda

Più che all’imprenditore D’Agostino, il quale ha pronosticato la sconfitta di De Luca pur “non avendo sottomano la sfera di cristallo”, come si è affrettato a rilevare Enzo Alaia, e potendo tutt’al più disporre d’una qualche (...)

continua la lettura

1

L’intervista

«Guardo con molto interesse alla Lega. E’ in evoluzione, mentre il mio Movimento non esiste più»: Grassi rottama i Cinque Stelle

Il senatore dissidente interviene a tutto campo sull’attuale scenario politico e sembra sempre più vicino a Salvini: «Prendo in seria considerazione le offerte che mi arrivano dalla Lega». Quanto al Movimento, prevede «una crisi lunga e di difficile soluzione, causata dalle scelte dei vertici, a Roma come in Irpinia». «Non basta dire onestà se non c’è anche merito e competenza». - aggiunge - E cita Lioni-Grottaminarda e Stazione Hirpinia: «Non posso stare con chi parla senza legger le carte. Inoltre, Roma ha sempre ignorato le nostre istanze»

Senatore Ugo Grassi, la situazione politica interna al Movimento Cinque Stelle, a Roma come in Irpinia, è particolarmente caotica. In generale, sembra diviso tra filogovernisti, pronti a stare con il centrosinistra, e (...)

continua la lettura

9

Archivio