Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Politica

Quesiti imbarazzanti

810mila euro, uanm ro’ priatorio!

Questa è la cifra che i Commissari di Aias Avellino contestano a "Noi con Loro" in ragione di quanto emerge dalle scritture contabili: se questo è, come si fa a sostenere che, per dirla con Anna Maria De Mita e marito, tra Aias e "Noi con Loro" non c’erano rapporti? E Dal momento che l’unico rapporto conosciuto, ancorché sottaciuto per la parte relativa agli ingentissimi importi di fitto, è quello tra locatario (Aias) e locatore (Noi con Loro), tutt’al più dalle scritture contabili si sarebbe dovuto rilevare un debito dell’Aias nei confronti di Noi con Loro. Come si spiega, invece, che il debito è di Noi con Loro?

Oh. oh: c’è una novità molto imbarazzante nella scandalosa vicenda Aias - “Noi con Loro”. La novità è che i commissari dell’Aias, insediatisi ad Avellino dopo le dimissioni del presidente Gerardo Bilotta, indagato per gravissime ipotesi di reato assieme ad Annamaria Scarinzi ed altri, hanno inviato in data 15 gennaio 2018 la seguente letterina di pochissime righe alla Onlus della consorte di Ciriaco De Mita: “Dall’esame delle scritture contabili riulta un debito di Codesta Spettabile Associazione nei confronti della sezione Aias di Avellino pari ad euro 810.218,42 (euro (...)

continua la lettura

Lo scenario

Cinque Stelle in cerca di un nome su Avellino, ma l’apertura alla società civile divide gli elettori: mossa geniale o effetto boomerang?

Ancora 48 ore per conoscere i vincitori delle "Parlamentarie", archiviate tra partecipazione e polemiche. Elettori divisi anche sui nomi ipotizzati per gli uninominali: Gubitosa per la Camera, Mastroberardino per il Senato. Le piste che tengono banco fanno anche registrare le perplessità di chi paventa un nuovo sistema di indicazioni dall’alto come nei partiti tradizionali. Con un dubbio ulteriore: gli alti profili saranno gestibili al pari dei "semplici cittadini" prestati alla politica?

Ancora 48 ore. Poi l’esito delle «Parlamentarie» del Movimento Cinque Stelle verrà ufficializzato, nella convention nazionale di Pescara, e la lista dei candidati irpini per Camera e Senato sarà certificata. Nel frattempo, tengono (...)

continua la lettura

Il summit

Sanità, Morgante illustra il previsionale 2018-2020: «Sessanta assunzioni e investimenti nei servizi. Antincendio negli ospedali»

Il manager di via degli Imbimbo riferisce nel Comitato dei sindaci a Piazza del Popolo: «Radioterapia per Ariano, grande attenzione a Bisaccia, che diventerà ospedale di Comunità. Unità cardiologica e radiologia a Sant’Angelo con il Progetto pilota»

Nuove assunzioni, una serie di interventi sui servizi, e l’adeguamento al piano antincendio per tutti i presidi ospedalieri. Queste le misure previste nell’ambito della programmazione dell’Asl per il triennio 2018-2020 e (...)

continua la lettura

La Direzione Nazionale

Pd, ecco le regole per le candidature alle politiche. Renzi gela tutti: «Sicuro solo chi si prende il voto sul collegio»

Ieri l’apertura della Direzione Nazionale permanente con la relazione del Segretario che ha escluso rendite di posizione se non in funzione del consenso. Quindi l’approvazione del regolamento per le candidature

Le deroghe al limite dei tre mandati parlamentari, previste dallo statuto del Pd, saranno decise nella Direzione del 26 gennaio, che approverà le liste elettorali. Lo prevede il Regolamento delle candidature approvato dalla (...)

continua la lettura

Il commento

La Campagna elettorale nel Paese delle baby gang e degli evasori fiscali: ecco a che servirebbe il lavoro

I figli di questa attuale società, se non sono diventati pigri e apatici (sdraiati, li definisce Miche Serra), sono incazzati e molti di loro abitano gli spazi della violenza (anche gratuita, anche verso sé stessi, ripeto) e della criminalità. Bisognerebbe ripartire dalla Scuola e dal Lavoro, ovvero dalla lotta all’evasione, che in Italia vale 110miliardi di euro, perché solo così si potrebbe sostenere il sistema sanitario, si potrebbe dedicare l’IRPEF all’Istruzione, alle politiche per l’occupazione, ad un reale contrasto alla violenza giovanile, alla criminalità, all’emigrazione, alla depressione endemica dei nostri ragazzi. Ma anche gli evasori votano e gli evasori, evidentemente, sono tantissimi

«Non è solo un problema di ordine pubblico e di sicurezza, non si risolve con una retata o con i soldati», questo è l’assunto del ministro Marco Minniti, esternato in preparazione al summit tenutosi a Napoli per analizzare e (...)

continua la lettura

Archivio