Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Politica

L’analisi

I Cinque Stelle al mercato delle vacche

Il capo politico del Movimento, Luigi Di Maio, ha parlato chiaro: il vincolo del secondo mandato va superato, come va superato il veto sulle alleanze a livello locale. Subito, perché l’orizzonte è quello delle prossime elezioni. Questo significa, evidentemente, che sui territori cambia tutto. Anche dalle nostre parti, ad Avellino come ad Ariano. Ecco perché

«Siamo tutti d’accordo che serve una riorganizzazione del Movimento. A breve faremo una riflessione sia a livello nazionale sia territoriale. E una riflessione sui consiglieri comunali. Dobbiamo essere più competitivi a livello comunale e locale». Così parlò Luigi Di Maio, capo politico del Movimento Cinque Stelle. Parole chiarissime - pronunciate a margine di un lungo vertice con le altre due teste del Movimento, Grillo e Casaleggio – che a rigor di logica si prestano ad una sola interpretazione: il vincolo del secondo mandato va superato, come va superato il veto sulle alleanze a livello (...)

2

continua la lettura

Questi non si fermano più

Doppia fiurella al quadrato!

Da assurda che era, la storia della Lioni-Grotta sta diventando patetica. Ieri “ll Quotidiano del Sud” ha pubblicato una nota, inviata dal Mise all’ex commissario ad acta D’Ambrosio, con la richiesta delle documentazioni necessarie per “l’adozione del decreto interministeriale di trasferimento delle attività della cessata gestione commissariale”. La classica foglia di fico per coprire la vergogna dei 50 giorni di blocco del cantiere, per tentare di evitarsi guai con la Corte dei Conti e per rimediare alla figuraccia cui si sono esposti “grazie” alle bugie di Carlo Sibilia. Ecco le prove del grottesco imbroglio: attenzione alle date…

Adesso, Signore e Signori, da assurda che era, la storia della Lioni-Grottaminarda sta diventando patetica. Invece di preoccuparsi di sbloccare un cantiere fermo da 51 giorni per loro esclusiva e documentata colpa, i (...)

continua la lettura

1

L’analisi

Come i Minions per Gru

I minions (gialli e tanti come i pentastellari), sono sherpa, operai, factotum. Hanno idee strampalate e, soprattutto, sono tanti, pervasivi, ostinati, e sono fondamentalmente uguali (uno vale uno), ragion per cui sono alla ricerca disperata di un Grande Leader, il Gru, completamente diverso dalla loro massa indistinguibile da seguire osannanti. Attraversano la Storia alla perenne ricerca di un ‘portavoce’, cui rimanere fedeli per la vita. Finalmente lo hanno trovato…

Il breve e temerario ciclo dei pentastellari fieri e rivendicativi si è concluso. Una storia è finita. Una, anzi cinque stelle sono cadute. Fine dalla storia primordiale e fondativa dello stesso Movimento 5Stelle; fine dei (...)

continua la lettura

1

La nota

Lioni - Grotta, Il Senatore Grassi chiarisce: nulla è deciso, presto il confronto con la Regione

Il Senatore Irpino ed il collega Santillo intervengono per chiarire: «La maggiore preoccupazione è di consentire una rapida ripresa dei lavori ed una altrettanto rapida conclusione degli stessi. Ci è stato confermato che all’esito di ulteriori attività istruttorie, verrà avviato un confronto con le Regioni interessate dalle opere in costruzione»

Il Governo non esclude di affidare il completamento della Lioni - Grotta alla Regione Campania, ovvero al Provveditorato regionale delle opere pubbliche, contrariamente a quanto trapelato nelle ultime ore. Lo rendono noto i (...)

continua la lettura

3

Il ricordo

De Mita contro Cinque Stelle e Lega: «Rinnovatori senza pensiero, gridano contro il potere ma è il loro unico obiettivo»

Il leader di Nusco a margine del convegno organizzato in ricordo di Don Michele Grella: «In questa fase di difficoltà lui avrebbe consigliato agli avellinesi di pensare. Ma questa politica non ha pensiero, questi rinnovatori cercano il potere, ma si accorgeranno che non c’è e non lo sanno costruire»

Un affondo ai rinnovatori, ma anche ai populisti, che gridano contro il potere ma lo pongono quale unico fine. Ciriaco De Mita sembra puntare l’indice contro Cinque Stelle e Lega, ma anche contro quanti, nel Pd e nelle altre (...)

continua la lettura

8

Archivio