Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Politica

L’analisi

Stolti noi

Che abbiamo avuto classi politiche sempre più miserevoli e cazziste è innegabile. Che per punire arroganza e avidità ci abbiamo mandato sconosciuti che costantemente ci urlano in faccia la nostra stessa rabbia, senza tuttavia avere uno straccio di soluzione ragionevole, applicabile e soprattutto intelligente è altrettanto vero. Se siamo diventati cattivi (rapporto Censis), da rancorosi che già eravamo, è perché il differenziale tra ciò di cui abbiamo bisogno e ciò che (non) abbiamo avuto (e non avremo) è siderale

Possiamo solo immaginarlo, ma ci sono retroscenisti a giurare, che nell’Esecutivo, o meglio tra tre o quattro persone dell’Esecutivo (Premier compreso) si sia arrivati ai ferri corti. Daghe in mano cioè, ma nessuno che voglia menare il colpo ferale, per il terrore di essere additato come l’assassino del primo (e anomalo) governo populista della Repubblica italiana. Siamo alle pedate, ai calci negli stinchi, al calcione dietro le quinte che-non-ci-vedono-gli-elettori. L’uppercut ancora non è stato sganciato, ma il pugno freme. Uno dei due Vicepremier deve arrendersi: o il reddito di (...)

continua la lettura

L’incontro

Provincia in campo per il Centro autismo: in 3 mesi i lavori, poi un tavolo con Regione e Asl per aprirlo

Il numero uno di Palazzo Caracciolo, Domenico Biancardi, annuncia l’imminente realizzazione dei lavori di competenza di Palazzo Caracciolo e chiama Asl e Regione al tavolo per l’apertura. Intanto le mamme incalzano: «Lottiamo ogni giorno anche contro l’indifferenza»

Provincia in campo per il Centro autismo: in 3 mesi i lavori, poi un tavolo con Regione e Asl per aprirlo. Questo il duplice impegno assunto stamattina a Palazzo Caracciolo dal presidente, Domenico Biancardi, che ha (...)

continua la lettura

Lo scenario

Ad Avellino i Cinque Stelle hanno miseramente fallito. Ad Ariano e a Montoro la notizia è arrivata

I riferimenti del Movimento Cinque Stelle avrebbero immaginato di compiere il definitivo salto di qualità sui territori, di conquistare dopo il capoluogo le altre due principali realtà della provincia, Ariano in primis, costruendo la propria prospettiva sulla vittoria ad Avellino: quella vittoria, nel giro di cinque mesi, si è però tradotta in una condanna, in un disastro dal quale appare impossibile prendere le distanze perché vorrebbe dire prendere le distanze dai vertici, vorrebbe dire disobbedire e questo, nel partito dell’honestà, è semplicemente inammissibile

Le elezioni amministrative della prossima primavera coinvolgeranno gran parte delle principali comunità della provincia. Un passaggio estremamente delicato, in una fase di grande confusione, dal quale verranno fuori gli (...)

continua la lettura

1

Il commento

Gli avellinesi ricorderanno ciò che è stato?

Se dovessimo tornare indietro, risucchiati nell’oblio della nostra pigra inerzia, dimenticando gli scandali e le ingiustizie di decenni, guardando ai fallimenti di oggi, pensando di essere spacciati e senza speranza, in quel caso un ritorno al potere dei predatori che ci hanno messi in ginocchio sarebbe solo ed esclusivamente una nostra, personale e collettiva, responsabilità

In questa fase istruttoria del processo ACS, quello che salta agli occhi, insieme all’ovvio dato di cronaca in senso stretto, è il contesto di relazioni politiche attraverso cui quella vicenda si è dipanata in un arco di tempo, (...)

continua la lettura

1

L’appuntamento

Dove tira il vento

Ben trovati con una nuova puntata di "Attenti a quei 2". I nostri eroi, come segugi, seguono le tracce del vento che gonfia le vele del futuro della città di Avellino. Buona Visione

Buona Domenica e ben trovati per una nuova e scoppiettante puntata di "Attenti a quei 2". La città di Avellino viaggia raggiante verso l’avvenire, con lo stesso vento che sostiene le vele di Carletto Sibilia ed è da qui che i (...)

continua la lettura

2

Archivio