Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Economia

La svolta

La Campania è fuori dal commissariamento per la sanità, c’è l’ok del Consiglio dei ministri

La soddisfazione di De Luca: «Dopo dieci anni è un risultato storico, che apre una nuova stagione per la Sanità campana. Ringrazio il Governo, il Presidente del Consiglio, i ministri dell’Economia e della Salute»

Il Consiglio dei ministri, riunitosi ieri sera, ha revocato l’uscita dal commissariamento della sanità campana. Come preannunciato, alla prima riunione del Governo, c’è stata l’attesissima fumata bianca. Il ministro delle Finanze, Roberto Gualtieri, «ha deliberato, - si legge in una nota - su proposta del Ministro dell’economia e delle finanze Roberto Gualtieri, l’approvazione del Piano triennale 2019-2021 di sviluppo e riqualificazione del Servizio sanitario regionale della Campania, ai fini dell’uscita dal commissariamento, incaricando i Tavoli di monitoraggio di verificare il recepimento, da (...)

2

continua la lettura

Viaggio nella Concia

Dalla Torre Isozaki di Milano abbiamo visto il futuro dell’Industria conciaria italiana

Nell’annuale assemblea dell’Unic, il gotha del Made in Italy ha rilanciato l’impegno del settore per uno sviluppo sostenibile in linea con gli obiettivi enunciati dall’Agenda 2030 dell’Onu. I dati parlano di un settore che ha raggiunto obiettivi straordinari sul terreno della sostenibilità ambientale e della sicurezza sui luoghi di lavoro. Premiate 23 realtà imprenditoriali del Belpaese e tra queste c’è la DMD di Solofra, che si è distinta per l’impegno nelle best practice sociali, ambientali, economiche e di prodotto

Benessere, crescita responsabile, impegno, rispetto, futuro, sinergia. Il 2020 si candida ad essere quello del definito rilancio dell’Industria conciaria italiana sul tema della sostenibilità ambientale declinata dal Veneto (...)

continua la lettura

La vertenza

I.I.A., cassa anche per il 2020? Il probabile timore che non consente di stare sereni

Il Consiglio di Fabbrica ha chiesto un confronto urgente alla deputazione irpina perché se è vero che, come da cronoprogramma, i lavoratori stanno rientrando è anche vero che i lavori di ristrutturazione, al netto del tetto e dell’impianto di climatizzazione, vanno a rilento. Le linee di produzione nuove ancora non si vedono e l’azienda non può produrre. Il 2 gennaio il quadro sarà più chiaro e i nodi verranno al pettine

155 operai in fabbrica, riassorbimento completato entro la fine dell’anno e piano di reindustrializzazione in linea con il programma del governo. C’è qualcosa che non va tra quello che l’Onorevole del Movimento 5 Stelle, Generoso (...)

continua la lettura

1

Pianeta concia

Solofra, dopo due anni la Regione sblocca i 7 milioni per il depuratore. Vignola rilancia: «Tempi biblici per un obiettivo parziale. Il nostro modello resta Santa Croce»

Il 23 dicembre la Conferenza dei Servizi completerà l’iter per l’adozione del progetto definitivo. Ma per il sindaco si tratta di un risultato tardivo ed assolutamente insufficiente: «Ora vogliamo un cronoprogramma stringente per la gara, la pubblicazione del bando, l’assegnazione e la realizzazione dei lavori. Fin quando non verranno completati i lavori l’impianto resterà sotto sequestro preventivo con facoltà d’uso, con tutto ciò che questo vuol dire. Dopo di che, attendiamo risposte concrete da Palazzo Santa Lucia sui necessari e non più rinviabili interventi strutturali. C’è o meno l’intenzione di rilanciare quello che resta l’unico distretto industriale dell’Italia Meridionale?»

Regione Campania dà l’ok all’investimento di sette milioni di euro per la messa a norma del depuratore del distretto conciario di Solofra. L’iter si completerà il 23 dicembre, quando si riunirà la Conferenza dei servizi che (...)

continua la lettura

L’intervista

Imprese, l’allarme di Iapicca: «Cinquecento chiusure solo quest’anno, ora una svolta per la spina dorsale della nostra economia»

Il presidente di Piccola Industria di Confindustria snocciola i numeri del comparto che rappresenta l’ottanta per cento del sistema produttivo irpino e chiama gli imprenditori alla sfida dell’internalizzazione: «L’export aumenta del 25 per cento, e ci sono margini di crescita 30 volte superiori rispetto alla domanda interna». Automotive, agroalimentare, concia e informatica i punti di forza. Male le imprese femminili. «Servono infrastrutture e meno burocrazia. Ma a livello locale e nazionale non c’è alcuna visione industriale. Fare impresa è sempre più difficile»

Massimo Iapicca, presidente provinciale di Piccola Industria di Confindustria, questa crisi sta falcidiando giorno dopo giorno centinaia di realtà produttive in Irpinia. In quali condizioni versano le piccole e medie imprese (...)

continua la lettura

Archivio