Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Economia

Il fatto

Ocevi Sud, Almec, El. Ital. e il dramma di tutti gli ex operai fuori mercato per colpa della politica: la rabbia sbarca in Provincia

Lunedì una cospicua delegazione di metalmeccanici di tante aziende irpine manifesterà ai piedi di Palazzo Caracciolo per rappresentare tutta la disperazione di chi è "troppo giovane per andare in pensione e troppo vecchio per essere nuovamente assunto". Sindacati non invitati

Una protesta pacifica in Piazza Libertà davanti Palazzo Caracciolo è in programma lunedì gennaio 2018 alle ore 9:30. A rivendicare i propri diritti saranno gli operai di molte aziende che, per un motivo o per un altro, li hanno espulsi dal ciclo lavorativo. Giusto per citarne alcune ci saranno ex dipendenti della Ocevi Sud, dell’ex Almec di Nusco o dell’El.Ital. Spa di Pianodardine. Over quaranta e over cinquanta, senza lavoro e senza speranza di poter essere mai più assunti da qualche azienda. Come si dice in questi casi “troppo giovani per andare in pensione e troppo vecchi per sperare di (...)

continua la lettura

Il fatto

Richieste di incontro inevase, offese e minacce: alla Fca scioperano i dipendenti "De Vizia"

Quattro ore di sciopero indette per i lavoratori della ditta esterna che pensano di rivolgersi al Prefetto. Duro volantino di Filcams Cgil e Ugl che denuncia le «scelte unilaterali della ditta contro la richiesta di condivisione di un modello organizzativo capace di attenuare gli effetti dei giorni di “fermo produzione”» e le frasi ingiuriose rivolte ai propri iscritti e alle RSA

Richieste di incontro inevase e offese ai dipendenti, alla FCA di Pratola Serra succede anche questo. I protagonisti di questa spiacevole vicenda, però, non sono i lavoratori metalmeccanici bensì i dipendenti della ditta (...)

continua la lettura

2

La nota

Nessuna piena occupazione nel 2018: Marchionne gela FCA Italia. La Fiom Cgil insorge: «Era noto da settembre» e chiama azienda e Governo

La nota del segretario nazionale della Fiom-Cgil, Michele De Palma: «I lavoratori degli stabilimenti italiani non possono pagare un prezzo così alto. E’indispensabile trovare le risorse per gli investimenti che servono a rilanciare le produzioni in Italia»

«Ha parlato da Detroit l’amministratore delegato di FCA – Sergio Marchionne – che ha purtroppo confermato quanto avevamo da tempo già verificato: l’obiettivo della piena occupazione nel 2018 non ci sarà». A dichiararlo è il (...)

continua la lettura

La conferenza

«Ciò che sembra banale ai nostri occhi è un elemento di bellezza per il resto del mondo»: IrpiniaMood presenta "Irpinia Life Drive"

Il presidente Graziano ed il project Manager Capolupo illustrano la prima guida dedicata alla nostra provincia e che sarà distribuita al Fitur di Madrid: «Rappresentiamo una fotografia completa della nostra terra. In Spagna saremo capofila delle realtà campane, attrarremo l’attenzione degli addetti ai lavori»

La prima guida dell’Irpinia è pronta a spiccare il volo verso Madrid. Questa mattina, nella Sala Grasso di Palazzo Caracciolo, l’associazione IrpiniaMood ha presentato la pubblicazione («Un primo passo verso la stesura del (...)

continua la lettura

Il punto

Umiliati dal fallimento e abbandonati, la tragica realtà dei lavoratori El.Ital.

Un anno fa fu segnato il destino dei 74 dipendenti. Dopo la drammatica decisione del tribunale nulla è cambiato. Campano di ammortizzatori sociali che termineranno nel febbraio 2019 e sperano di recuperare i rispettivi TFR. Si sentono vittime di profonde ingiustizie e sabato 13 si sono dati appuntamento davanti allo stabilimento. Non sono stati invitati i sindacati, a cui attribuiscono una buona fetta di responsabilità nella disfatta

Esattamente un anno fa, quando ormai il fallimento dell’El.Ital. Spa, azienda leader nel campo del fotovoltaico, sembrava essere imminente ci chiedevamo quale sarebbe stato il destino dei circa 70 lavoratori “naufraghi”. (...)

continua la lettura

Archivio