Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Economia

Il caso

Camera di Commercio, Todisco chiama la Regione: «Il decreto va ritirato, inficia la costituzione dell’ente Irpinia-Sannio»

Il consigliere regionale irpino in pressing sull’assessorato alle Attività produttive per la riscrittura in atotutela del provvedimento che istituisce la Camera di commercio delle aree interne, pieno di errori formali e sostanziali. Per frenare i ricorsi già annunciati non ci sono altre strade: «Occasione troppo importante per perderla». Pronti a scrivere alla Regione Confindustria e gli ordini professionali. Intanto già impazza il dibattito sulla presidenza. La Stella c’è, ma gli industriali chiedono discontinuità

La Regione Campania sta valutando la possibilità di ritirare e riscrivere il decreto istitutivo della Camera di Commercio Irpinia-Sannio. L’atto, come riportato nei giorni scorsi da “Orticalab”, contiene errori sia formali che sostanziali, ed inficia l’istituzione dell’ente delle aree interne. Sul punto, mentre c’è già chi ha annunciato ricorsi al Tar che farebbero slittare l’intero processo quantomeno all’anno nuovo, il consigliere regionale irpino del gruppo «De Luca Presidente», Francesco Todisco, fa sentire la sua voce sull’assessorato alle Attività Produttive. «Mi sembra evidente – dice - che (...)

2

continua la lettura

La nota

Lavoratori ancora senza stipendi. «Basta soluzioni estemporanee»: le Rsa di I.I.A. chiamano nuovamente il MISE

Chiesta una convocazione urgente per chiarire la situazione societaria di Industria Italiana Autobus: «Uno stabilimento nato per essere il braccio armato della produzione di autobus in Italia ha bisogno di un percorso celere, fatto di investimenti»

La nota di tutta la rsa di stabilimento inviata al Ministro dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, alla regione Campania, al Comune di Flumeri, ad Invitalia e alla Società Industria Italiana Autobus Chiediamo come Rsa in (...)

continua la lettura

1

La sanità pubblica

Percopo e Vignola contro Morgante, braccio di ferro sul 118 del "Landolfi": lo spostamento non ha senso

Il manager del "Moscati" ha scritto una missiva in cui chiede che il servizio ed il personale restino al "Landolfi": «Sono pronto a pagare le prestazioni aggiuntive rese al Pronto soccorso. Logisticamente, il 118 sta meglio a via Melito». Rincara il sindaco Vignola: «Prima di tutto, non sono stato avvertito. In secondo luogo, la scelta è sbagliata. Si trasferisce un servizio importante in una strada congestionata dal traffico, in cui si perderanno minuti preziosi, mentre il "Landolfi" sorge a due passi dalle frazioni e dall’autostrada. Morgante lo sposta solo perchè dal primo ottobre l’Ospedale passerà al Moscati»

Ancora uno strappo nell’operazione complessiva che, a partire dal primo ottobre prossimo, dovrà portare al passaggio formale dell’ospedale “Landolfi” di Solofra, dalla gestione dell’Asl a quella dell’Azienda Ospedaliera Moscati di (...)

continua la lettura

La bagarre

Caos Camera di Commercio, il decreto della Regione è pieno di errori: dalla denominazione ai numeri. Pioggia di ricorsi e tutto da rifare

Nell’atto costitutivo della nuova Camera Irpinia-Sannio, una delle più ricche d’Italia, l’ente viene chiamato per errore «Camera di Commercio di Napoli». Quanto all’ assegnazione dei seggi nel Consiglio, anche i numeri sono schizofrenici: la somma delle quote per l’industria supera il 130 per cento, mentre nell’agricoltura i conti non tornano. Manca pure il seggio per gli Ordini professionali. La Stella avverte: «L’atto va ritirato»

La Camera di Commercio Irpinia-Sannio che diventa “Camera di commercio di Napoli”, le percentuali sballate sull’industria, le ripartizioni schizofreniche e una serie di errori formali e materiali da far impallidire: il decreto (...)

continua la lettura

La notizia

I.I.A., Ferrovie dello Stato vuole entrare in società: l’annuncio in diretta del Ministro Di Maio

Il Ministro del lavoro: «Buona notizia per i lavoratori dello stabilimento di Bologna e di Flumeri. Avremmo un soggetto di questo settore, Busitalia, che costruisce autobus e fa capo ad un’azienda di stato. Dico ai lavoratori di resistere ancora un po’». Il commento del Sottosegretario Sibilia: «Lo Stato torna a dare speranza. Vuole investire e non abbandona i lavoratori»

Ferrovie dello Stato, attraverso Busitalia, vuole entrare nella compagine societaria di Industria Italiana Autobus. A comunicarlo è il Ministro del Lavoro, Luigi Di Maio che ha pubblicato un post video sulla propria pagina (...)

continua la lettura

1

Archivio