Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Economia

L’altra emergenza

Benzinai allo stremo, ma c’è chi non si fermerà: «In crisi da 10 anni, ora in ginocchio. Ma non daremo il colpo di grazia al Paese»

Pasquale Alborea, 200 dipendenti e distributori autostradali sparsi tra la Campania, la Calabria e il Lazio, invita i colleghi a non fermare il servizio: «Guadagniamo 6 centesimi al litro, facciamo la fame e non riusciamo a pagare i dipendenti. Ma è il momento di rimboccarsi le maniche e restare sul campo. I sindacalisti che dicono il contrario vogliono difendere soltanto privilegi e poltrone»

Dopo almeno 10 anni di crisi, l’emergenza sanitaria del Covid 19 ha inferto un duro colpo anche all’economia dei distributori di carburanti. Nei giorni scorsi, i sindacati del settore avevano paventato la possibilità di un grande sciopero nazionale, che avrebbe definitivamente messo in ginocchio il Paese. Solo l’intervento del Governo, che ha attivato un tavolo ad hoc, ha congelato quella mobilitazione. Ma i problemi del settore sono tutti là e la tensione resta altissima. Pasquale Alborea, da 40 anni residente ad Avellino, è un imprenditore del settore con 200 dipendenti e una decina di (...)

2

continua la lettura

L’emergenza

Poste Italiane, ecco il "piano" per le pensioni: 126 uffici aperti tra Avellino e provincia, scaglioni in ordine alfabetico

Per verificare giorni e orari di apertura degli uffici e per tutte le informazioni necessarie, gli utenti possono chiamare il numero verde 800 003322 o puntare al sito web di Poste Italiane dove basterà digitare il nome del proprio comune di appartenenza per sapere, in pochi secondi, quali sono gli uffici aperti e abilitati al pagamento delle pensioni, con i relativi dettagli sui turni di apertura al pubblico

Poste Italiane ricorda che, con l’obiettivo di contribuire a contrastare la diffusione del virus Covid-19, le pensioni del mese di aprile verranno accreditate domani, 26 marzo, per i titolari di un Libretto di Risparmio, di un (...)

continua la lettura

L’Irpinia che non si ferma

«Nessuno verrà lasciato senza farina, latte e olio. Non c’è alcun motivo per prendere d’assalto i supermercati»

La LoGi.S.S di Monteforte, tra i più importanti distributori alimentari della provincia di Avellino, rassicura tutti. «Continueremo a servire oltre 200 comuni e 1300 punti vendita tra l’Irpinia, il Sannio e i Paesi vesuviani. Calmierando i prezzi e garantendo il rifornimento per tutti i negozi di prossimità»

In una economia di guerra, si sa, alcuni prodotti entrano a far parte dei cosiddetti beni rifugio. E anche in questa emergenza sanitaria, scandita dagli impietosi numeri dei contagi e del Covid-19, iniziano a sparire dagli (...)

continua la lettura

L’altra emergenza

«Il Coronavirus e il popolo silenzioso delle partite Iva, migliaia di invisibili sul lastrico esclusi dai provvedimenti del Governo»

L’«Associazione Partite Iva per Cambiare» lancia il su grido d’allarme. Autonomi, artigiani, piccoli commercianti e professionisti sono senza reddito e senza voce. Migliaia di imprenditori di se stessi, sempre più numerosi, e – soprattutto nei piccoli comuni – sempre più tagliati fuori dalla vita produttiva. Per queste figure, oggettivamente, c’è davvero poco nella manovra economica da 25 miliardi approvata dal Governo Conte per ammortizzare la grande serrata

Se le medie e grandi imprese hanno già lanciato con forza un vero e proprio grido d’allarme rispetto alle conseguenze dello stop produttivo imposto dal Governo già a breve termine, c’è un popolo silenzioso che rischia di (...)

continua la lettura

2

Archivio