Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Cultura

L’intervista

«"Mediterraneo" è una protesta muta»: Armin Greder ci racconta la sua storia di mare e di corpi

E’ silenzioso e potente questo libro illustrato da Armin Greder - pubblicato da Orecchio Acerbo Editore - di cui si discuterà all’interno della libreria L’Angolo delle Storie, che festeggia 10 anni di resistenza culturale in questa città. Fumettista, graphic designer e illustratore, sarà ad Avellino domenica per raccontare le sue tavole - esposte in originale - e per confrontarsi in un momento di riflessione con i piccoli lettori. Niente parole, solo la narrazione per immagini di quei naufragi e di quelle morti che troppo spesso ci rifiutiamo di guardare: «Le mie illustrazioni vivono di una tragedia senza fine, dentro c’è il mondo e il mondo non è qualcosa di ideale»

Dopo aver finito di annegare, il suo corpo scivolava lentamente verso il fondo, lì dove i pesci lo aspettavano. Questa è l’unica frase ad apertura del libro Mediterraneo. E’ silenzioso ed estremamente potente questo albo illustrato da Armin Greder - pubblicato da Orecchio Acerbo Editore, con la postfazione del giornalista e scrittore Alessandro Leogrande - che sarà presentato domenica mattina (20 ottobre alle 10.30) all’interno della libreria di Consiglia Aquino, L’Angolo delle Storie, che festeggia 10 anni di resistenza culturale in questa città. E’ un racconto del presente che si dipanerà (...)

continua la lettura

L’intervista

Riapre i battenti il Black House Blues: nuova vita, vecchi ricordi

Ci siamo fatti raccontare dal direttore artistico Paolo Spagnuolo quali saranno le novità nella programmazione dello storico locale avellinese che riapre le porte tra grandi certezze e diverse sorprese, tutte dedicate al rock...

C’è grande attesa per la serata di venerdì 11 ottobre che segna l’inizio di una nuova storia per il locale di Via Annarumma: il Black House Blues quest’anno compie ventitré anni e si porta dietro un ruolo da protagonista nella (...)

continua la lettura

L’intervista

L’East Side, Londra e «quella volta che Camacho voleva portarmi in America»: in consolle con dj Cioppa, in una città che non c’è più

Incontro con il dj house irpino, tra storie di un’Avellino città aperta e quarant’anni di evoluzione musicale: «In quegli anni la città accoglieva tutti e si confrontava con tutti, in pista non c’erano differenze di ceto sociale, culturale o economico, erano tutti uguali. E poi all’epoca ci si guardava gli uni con gli altri, i “grandi” davano sempre un occhio ai più “piccoli”, c’era una sorta di responsabilità sociale collettiva, oggi no»

Abbiamo incontrato Carmine Cioppa, dj house di lunga esperienza e di indiscusso talento, testimone delle varie metamorfosi musicali e generazionali della città. Nato nel 1977, è di Santo Stefano del Sole, inizia il suo rapporto (...)

continua la lettura

La presentazione

Al via la rassegna ReD e scuole protagoniste con “Primi Applausi”, soddisfatto il Sindaco: «Il Gesualdo è il teatro dell’Irpinia»

Sarà Vincenzo Salemme ad aprire, sabato 26 e domenica 27 ottobre, il cartellone “Tradizione e Comicità” della nuova stagione del Teatro “Carlo Gesualdo”. Il programma è stato presentato dal direttore del Teatro Pubblico Campano Alfredo Balsamo, affiancato da Antonio Caradonna, componente del Direttivo. Con loro Gianluca Festa - anche assessore alla cultura - ed Espedito Giaccio dell’Associazione Mister Punch che, insieme all’amministrazione comunale e al TPC, ha curato la rassegna di Teatro Ragazzi rivolta alle scuole di ogni ordine e grado

Sarà Vincenzo Salemme ad aprire, sabato 26 e domenica 27 ottobre, il cartellone “Tradizione e Comicità” della nuova stagione del Teatro “Carlo Gesualdo”. Il programma completo dell’attesissima rassegna è stato presentato stamane dal (...)

continua la lettura

Il libro

Italiani, neoborbonici e briganti nella Guerra per il Mezzogiorno: «Le aree interne sono state centrali nella connotazione del fenomeno»

Il brigantaggio fu l’eroica resistenza meridionale al colonialismo sabaudo o la sfida allo Stato di bande criminali? Da questo interrogativo comincia il ragionamento storico contenuto nel saggio (edizioni Laterza) di cui è autore il Professore Carmine Pinto - ordinario di Storia contemporanea presso l’Università degli Studi di Salerno, si è occupato di sistemi politici del Novecento e di guerre civili e movimenti nazionali nel XIX secolo – che sarà presentato ad Avellino il 5 ottobre al Circolo della Stampa: dal 1860 al 1870 l’analisi di un fenomeno plurisecolare che attraversa il Meridione, ne abbiamo parlato con l’autore

Il brigantaggio fu l’eroica resistenza meridionale al colonialismo sabaudo o la sfida allo Stato di bande criminali? Da questo interrogativo comincia il ragionamento storico contenuto nel volume La guerra per il Mezzogiorno (...)

continua la lettura

Archivio