Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Costume

L’appuntamento

Il riassunto della settimana/5

Dall’abolizionismo nazionale in salsa elettorale passando per l’indagine francese sull’obsolescenza programmata degli Iphone arriviamo a Italia-Germania. Il risultato è di 170 arresti per ’ndrangheta

ELEZIONI POLITICHE, TUTTI PROMETTONO DI ABOLIRE QUALCOSA Qualche riassunto fa vi avevo avvisati, siamo già in campagna elettorale e tutti iniziano a scaldare i cannoni spara-promesse. Siamo solo all’inizio, via via le promesse saranno sempre più grandi, come le valanghe dei cartoni animati che iniziano con una caccola di neve e diventano grosse come Adinolfi. Abbiamo Salvini che se la prende con i vaccini perché siamo in inverno e gli sbarchi dei migranti sono per l’estate. Pietro Grasso vuole abolire le tasse universitarie quando basterebbe usare meglio quei soldi, come ad esempio (...)

continua la lettura

L’intervista

Nel panificio di Yaseen, il pakistano che ha imparato a fare la pizza con l’erba: «Anche questo è incontro tra culture»

Yaseen Muhammad ha 27 anni e ha cambiato la sua vita molte volte: da piccolo si è trasferito in Inghilterra con la sua famiglia, ha studiato Farmacia e cinque mesi fa ha aperto la sua attività nei dintorni del Mercatone. Vive a San Tommaso e frequenta il corso di italiano all’Arci, ogni mattina alle quattro - quando la città ancora dorme - alza la saracinesca e accende il forno per iniziare la sua giornata: «Ora faccio un po’ parte di Avellino anche io. E’ bello avere abitudini soprattutto in un posto nuovo, trovare un motivo di entusiasmo. Ho conosciuto molte persone con cui posso parlare e che mi hanno accolto»

Il kheer è un budino di riso che profuma di acqua di rose, dentro ci sono le mandorle, i pistacchi e anche i semi di cardamomo. E’ morbido e dolcissimo. Quello che abbiamo assaggiato noi lo ha preparato Yaseen Muhammad, (...)

continua la lettura

Astri e Mazzi

Nato sotto il segno del roccocò: Forgione traduce Fox, ecco l’oroscopo 2018

In fondo lo leggiamo tutti anche se diciamo di non crederci. Allora ecco una valida alternativa al più noto Paolo Fox, il nostro Francesco Antonio Forgione ha previsto come andrà a finire il nuovo anno: tra un transito di Giove a destra e un Saturno da schivare a sinistra, tra un pezzo di torrone e un candito scartato, tra uno spumantino e un Biancosarti, lo Zodiaco rivisto e riscritto per voi

Ho letto l’oroscopo di Paolo Fox per l’anno nuovo - tutto, segno per segno - ecco cosa ho capito e come andrà a finire secondo me. ARIETE È l’anno della riscossa, come dice Fox per tutti i segni da 15 anni a questa parte. Per (...)

continua la lettura

L’appuntamento

Con le cuffie nelle orecchie / Dicembre: Musica vs Christmas Compilation

L’attesa delle vacanze natalizie fa di dicembre un mese di passaggio. E però, dribblando tra i vari “greatest hits”, “the best of” e Xfactor, si scoprono novità nascoste tra la folla. Da Sufjan Stevens a Tom Rogerson e Brian Eno, passando per gli scozzesi Belle e Sebastien, si arriva ai suoni di casa nostra, con Jovanotti e Frah Quintale, presto di passaggio anche in Irpinia. Con l’augurio che il nuovo anno vi porti cuffie migliori delle vecchie

Ultimamente prima di uscire controllo sempre se da qualche parte ho lasciato le cuffie. Un paio le ho in borsa e un paio le lascio sulla scrivania. Il solo pensiero di dimenticarle o di perderle a volte mi lascia senza (...)

continua la lettura

L’intervista

Testi curati, sonorità precise. Dopo “Vera” ecco “Aria”, nuova creatura di Marcello Apicella, l’artista irpino che non perde la speranza

Piacevole chiacchierata con il cantautore avellinese che ha presentato il suo secondo album composto da 12 brani, 5 dei quali composti con il poeta Osvaldo Galdieri: «L’amore, la speranza, la continua ricerca della felicità: queste sono le mie fonti di ispirazione. Sempre con occhi critici che non hanno paura di confrontarsi con la realtà. Una realtà spesso cinica che tuttavia non mi fa mai perdere la speranza». Su Avellino: «Nel 2005 era bellissima, poi si è spenta ed oggi è una città vecchia che contamina le nuove generazioni, quelle social che non si guardano negli occhi. Io da qui però non me ne vado perché non c’è mattina che non debba alzare gli occhi al cielo e guardare Montevergine…»

C’è uno spazio intangibile che avvolge l’Universo e dà energia vitale alla vita. E’ l’aria. La stessa che ha dato vita al secondo album dell’artista irpino Marcello Apicella. Sulle scie del primo album dal titolo “Vera” nasce (...)

continua la lettura

Archivio