Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Città

Il progetto

Un mini-palazzetto per la nuova casa del Calcio a 5

Approvato in giunta lo studio di fattibilità per intercettare i finanziamenti residui del post Universiadi ed adeguare la tensostruttura di via Tagliamento. Il progetto, da 1,5 milioni di euro, prevedrà la realizzazione di una struttura in legno e vetro e nuove tribune per ospitare fino a 500 spettatori

La eco delle Universiadi non si spegne e il Comune di Avellino è pronto a lanciarsi in una nuova avventura presentando lo studio di fattibilità per riqualificare la tensostruttura interna al Campo Coni di via Tagliamento per completare l’ammodernamento dell’intero impianto sportivo e consegnare alla città una casa per il Calcio a 5 e per la Società sportiva dilettantistica “Sandro Abate” Five Soccer che attualmente milita nel Campionato di Serie A ma gioca a Cercola in provincia di Napoli. Il progetto di fattibilità tecnica ed economica da 1,5 milioni di euro è stato approvato dalla giunta (...)

continua la lettura

Il punto

Balaustre off limits, vietato sgarrare: si rischia la chiusura di tutto l’anello superiore. Partenio ormai buono solo per la pensione

Per le prove di carico e i relativi certificati non basteranno due settimane, servono almeno tre mesi. Si parla, tra parte superiore e inferiore, di 750 metri di inferriata tutta collegata. La norma è rigida e i costi ingenti. Difficile sarà convincere i tifosi a rinunciare al tanto ambito posto in prima fila ma gli steward sono obbligati a far rispettare la nuova norma. Tempo scaduto anche per le sedute uniche che dovranno necessariamente fare il proprio esordio nel derby contro la Cavese

Al netto dell’ottimismo dell’amministratore delegato dell’U.S. Avellino 1912, Filippo Polcino, il "Partenio-Lombardi" resterà con la capienza ridotta di 5229 spettatori fino alla fine della stagione. Questa delle prove di carico (...)

continua la lettura

Il ricordo

Bassolino ricorda Di Nunno a 5 anni dalla scomparsa: «Riprendiamo, a tutti i livelli, la sua esperienza». Festa: «Intitoliamogli un luogo della città»

L’ex sindaco di Napoli è l’ospite d’onore nell’iniziativa organizzata da "L’Irpinia": «Dissi a Tonino di non dimettersi, ma non mi ascoltò. Il suo sindacato fu fondamentale per Avellino e per la Campania». Gengaro e Picone attaccano il Sindaco di Avellino che lascia la Sala Blu dopo il suo intervento

«Dissi a Tonino Di Nunno di non dimettersi da Sindaco di Avellino anche se ne comprendevo la stanchezza ed il travaglio umano. Il 30 ottobre mi chiamò per dirmi che non intendeva ritirare le sue dimissioni. Ero al Cimitero, (...)

continua la lettura

Il caso

Stop al Mercato. Il Comune revoca l’autorizzazione per Valle

Dopo il mancato utilizzo dell’area di via Manfra per tre giornate consecutive, l’amministrazione comunale sospende il mercato bisettimanale. A questo punto si aspetterà il completamento dei lavori a Campo Genova

Prosegue a colpi di ordinanze lo scontro tra il Comune di Avellino e gli operatori del Mercato bisettimanale. Il sindaco Gianluca Festa, facendo fede alla sua promessa, ha deciso di revocare l’ordinanza che autorizzava lo (...)

continua la lettura

Il caso

Mercato, gli operatori commerciali rilanciano: «Nessuna bocciatura, ci vediamo al Tar. Messaggi minatori? Festa vada in Procura invece di fare il "Grande Fratello"»

L’avvocato Aquino, che assiste gli standisti, chiarisce la vicenda: «Le procedure sono certamente viziate, i commercianti sono in regola, o stanno regolarizzando, le proprie posizioni Tarsu e Tosap. Vinceremo il ricorso ed il Mercato tornerà a Piazzale degli Irpini». I sindacati insorgono contro il Sindaco: «Valle è una finta apertura. Ritirare la disponibilità sarebbe un’ammissione di colpa...»

«Nessuno ha vinto, nessuno ha perso. La partita non è ancora iniziata». Il Direttore di Confesercenti/Imprenditori Irpini, Antonello Tarantino, chiarisce la questione in merito al ricorso al Tar, presentato da circa 160 (...)

continua la lettura

1

Archivio