Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Città

Il caso

Piscina, da oggi i lavoratori incrociano le braccia. Uil e Cgil attaccano: «Pagati solo i dipendenti non iscritti ai sindacati»

Da questa mattina quasi il 50% dei dipendenti della Polisportiva Avellino inizierà uno sciopero a tempo indeterminato: attendono le mensilità dei mesi che vanno da settembre a novembre. I sindacati denunciano: «L’azienda ha provveduto a pagare solo parte dei lavoratori, quelli non iscritti ai sindacati. Un atto discriminatorio»

Quasi il 50% dei dipendenti della Piscina Comunale, da questa mattina, inizierà uno sciopero a tempo indeterminato perché «ancora creditori delle mensilità di settembre (per le lavoratrici che ancora non l’hanno percepita), ottobre e novembre, e di transazioni non pagate». Dalle ore 8 circa 15 dei trenta lavoratori dell’impianto di via De Gasperi incroceranno le braccia finché non percepiranno tutte le spettanze arretrate. Accompagnati dai delegati sindacali Michele Caso (Uil-Trasporti) e Giovanni Carpino (Cgil-Filcams) gli scioperanti dovrebbero incontrare i rappresentanti della Polisportiva per (...)

continua la lettura

Il fatto

Questo Natale s’ha da fare: ok alle gare per eventi e luminarie, si parte il 15 dicembre

Le attese luminare natalizie dovrebbero essere installate dalla Blasi Illuminazione, ditta con sede ad Avellino con provata esperienza nel settore. Il pacchetto relativo agli eventi musicali e culturali previsti nel programma, invece, dovrebbe andare alla Ravello Creative Lab, società con sede a Pozzuoli. Nelle prossime ore l’ufficialità

Adesso è ufficiale. Il Commissario Prefettizio, Giuseppe Priolo, ha salvato il Natale Avellinese. O meglio l’Avellino Winter Open Art. Due delle gare per l’assegnazione dei servizi relativi alla kermesse natalizia sarebbero (...)

continua la lettura

1

L’incontro

Ipotesi dissesto, il Commissario Priolo: «C’è in ballo il futuro di Avellino, lavoriamo con attenzione»

Il Prefetto presente alla sottoscrizione dell’ "Accordo di Vicinato": «Stiamo ancora analizzando dati e atti, le questioni non si risolvono con un colpo di bacchetta magica». Sul programma natalizio: «Stiamo facendo di tutto per consentire la realizzazione degli eventi»

Al Salone degli Specchi della Prefettura di Avellino, i vertici delle Forze di Polizia hanno proceduto alla sottoscrizione dell’ "Accordo di Vicinato" tra il Prefetto ed i Sindaci dei primi Comuni che hanno comunicato (...)

continua la lettura

L’incontro

«Si può migliorare ma per il M5S parlano i fatti. Ci sarà tempo per definire liste e candidati»: Sibilia guarda a maggio

Il Sottosegretario all’Interno ha presenziato alla firma dell’Accordo di Vicinato, un protocollo di pubblica sicurezza che mette insieme 19 comuni irpini: «L’attenzione è altissima, lo Stato non arretra». Sulla città: «Priolo sta continuando l’ottimo lavoro iniziato. Possiamo sempre migliorare, a Roma come ad Avellino, ma sono soddisfatto di quanto fatto da Ciampi nei suoi 130 giorni alla guida della città»

Avellino, Aiello del Sabato, Bagnoli Irpino, Baiano, Calitri, Gesualdo, Lauro, Mercogliano, Montella, Montemiletto, Montoro, Mugnano del Cardinale, Pietradefusi, Salza Irpina, San Martino Valle Caudina, Scampitella, Summonte, (...)

continua la lettura

4

L’intervista

«Luna di miele orripilante tra M5S e Avellino. Il Centrodestra dovrebbe essere l’alternativa, ma così muore»: D’Ercole avverte tutti

Lo storico esponente del Centrodestra cittadino analizza impietosamente la fine dell’era Ciampi ed il momento vissuto dalla sua parte politica: «L’ex Sindaco, per dipendenza dal potere, ha fatto rimpiangere le accoppiate Foti-De Luca e Galasso-Mancino. I 5Stelle non bisseranno l’exploit di maggio, il rischio è che il capoluogo torni nelle mani di un Centrosinistra ripulito ma senza prospettive. Il Centrodestra è immobile, non entusiasma la città». Sul suo futuro: «Resto un fedele servitore di questa città, le vicende allucinanti del 2013 e del 2018 hanno cancellato in me ogni ambizione personale»

Giovanni D’Ercole, storico esponente del Centrodestra cittadino e già candidato alle ultime Comunali, l’Amministrazione Ciampi, ornai due settimane fa, è stata mandata a casa dal voto di sfiducia del Consiglio Comunale. Lei, poco (...)

continua la lettura

2

Archivio