Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Città

Verso il voto

La Città può risorgere il 26 Maggio, dipenderà solo dagli avellinesi liberi

Ci scuserete, signore e signori, se almeno in questo Santo giorno dovrete fare a meno della consueta puntata domenicale di “Attenti a quei 2”. Una laica preghiera, però, comunque ce la concediamo, nella speranza che questi giorni di pace, sottratti alla frenesia della quotidianità, possano essere anche giorni di serena riflessione per i cittadini liberi di questa sventurata città, a cui toccherà, fra un mese o poco più, scegliere tra la resa e il coraggio del futuro, tra la viltà della rinunzia e il dovere della ribellione

Ci scuserete, signore e signori, se almeno in questo Santo giorno dovrete fare a meno della consueta puntata domenicale di “Attenti a quei 2”. Una laica preghiera, però, comunque ce la concediamo, nella speranza che questi giorni di pace, sottratti alla frenesia della quotidianità, possano essere anche giorni di serena riflessione per i cittadini liberi di questa sventurata città, a cui toccherà, fra un mese o poco più, scegliere tra la resa e il coraggio del futuro, tra la viltà della rinunzia e il dovere della ribellione. Al di là di ciò che è accaduto in queste concitate settimane e di ciò che (...)

7

continua la lettura

Il summit

Festa rifiuta il passo indietro e strappa, Via Tagliamento respinge l’assalto: Amministrative, il candidato del Pd è Cipriano

Va a vuoto il tentativo di Leo Annunziata che, dopo le dichiarazioni di Nicola Zingaretti, puntava a riunificare il partito: è stata tentata la via del terzo nome, ma all’apertura della Segreteria Provinciale è corrisposto il "no" del leader di Davvero. Di Guglielmo attacca: «Le autorevoli presenze hanno respinto l’idea del Segretario Regionale. Noi continuiamo sulla via tracciata una settimana fa, puntiamo a vincere. Il simbolo ci sarà»

Non cambia nulla. La Federazione Provinciale del Partito Democratico resta su Luca Cipriano, Gianluca Festa resta in campo puntando sull’appoggio delle aree che fanno capo ad Umberto Del Basso de Caro ed Angelo Antonio (...)

continua la lettura

3

La conferenza

«Alternativi alle bande di interesse che hanno ammalato la città. Solo noi possiamo cambiare Avellino»: SiPuò e Santoro lanciano la sfida

La campagna elettorale del Centrosinistra Alternativo parte con il passaggio di consegne da Nadia Arace ad Amalio Santoro: «Le nostre battaglie - afferma l’ex consigliere comunale - ora confluiscono in un campo più largo». Il candidato a Palazzo di Città attacca il Pd («E’ in atto una vendetta tra gruppi di potere») e snocciola i capisaldi del programma: «Legalità, Cultura, Ambiente e nuova centralità del capoluogo»

Un passaggio di consegne politico e programmatico. La campagna elettorale di Amalio Santoro e di SiPuò parte con la “benedizione” di Nadia Arace, consigliere uscente della formazione che tiene insieme Sinistra Italiana, (...)

continua la lettura

Verso le amministrative

«Solo un centrodestra unito allargato alle civiche può vincere. Siamo ancora in tempo»: Avellino al voto, Sibilia si affida al coordinamento regionale

Il coordinatore provinciale di Avellino di Forza Italia rivendica la scelta di Dino Preziosi come candidato sindaco e contesta il metodo utilizzato dalla Lega nell’investitura dell’avvocato Bianca Maria D’Agostino: «Non accettiamo candidature che non tengano conto del metodo di consultazione». Su un possibile terzo candidato promosso dalla senatrice Lonardo: «Attendo con ansia»

In occasione della presentazione della candidata alle Europee per Forza Italia, Antonella Pecchia, il coordinatore provinciale di Avellino di Forza Italia, onorevole Cosimo Sibilia ha avuto modo di chiarire come il (...)

continua la lettura

Il punto

La tempesta Zingaretti nel bicchiere d’acqua di Annunziata: a via Tagliamento solo un tavolo del Pd

Dopo la nota stampa del Segretario Nazionale del Pd che investiva il Segretario Regionale del compito di tentare l’ultima mediazione nel partito, l’improvvida convocazione, da parte di Annunziata, di un tavolo aperto a tutte le forze di Centrosinistra. Veemente la reazione dei vertici di via Tagliamento, di D’Amelio e De Luca, e del consigliere regionale Petracca. Messo spalle al muro, al cospetto del rischio di un’implosione definitiva del partito in città, il Segretario Regionale ha compiuto un passo indietro: nessun vertice di coalizione, ma solo una verifica tra le diverse anime del Pd

La nota stampa con la quale il Segretario Nazionale del Partito Democratico, Nicola Zingaretti, ha investito il suo omologo campano, Leo Annunziata, del compito di ricercare l’unità del Partito Democratico nella città di (...)

continua la lettura

4

Archivio