Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Via Tagliamento

Un solo collegio per gli alleati, l’incognita deroghe, il derby Paris-D’Amelio: Pd, i candidati di Tartaglione all’esame del Nazareno

A Roma l’incontro tra il Segretario Regionale, Renzi, Guerini, Martina ed Orfini: ci sono i quattro dell’ex Direttorio ma la lista sarà sottoposta ad istruttoria e potrebbe subire modifiche. Ermini ad Avellino per organizzare congressi di circolo e campagna elettorale

Il Segretario del Pd Campania, Assunta Tartaglione, ha presentato a Matteo Renzi, Segretario Nazionale del Partito Democratico, la lista dei candidati democrat alle Elezioni Politiche del prossimo 4 marzo. All’interno dell’elenco ci sono tutti i parlamentari uscenti (compresi gli onorevoli Luigi Famiglietti e Valentina Paris), ad esclusione di Salvatore Piccolo deciso a non ricandidarsi, ed anche Piero De Luca. Il figlio del Governatore della Campania, infatti, verrà candidato a Salerno.

Tra i candidati proposti da Tartaglione ci sono anche otto consiglieri regionali (troppi secondo il Nazareno che punterebbe a scremarli), tra questi anche il Presidente del Consiglio Rosetta D’Amelio. Sul punto sarebbero state disposte alcune indicazioni: i consiglieri regionali dovrebbero essere candidati solo nell’uninominale per mettere a frutto il proprio radicamento sui territori. Tra le proposte di candidatura c’è anche quella dell’ex senatore Enzo De Luca.

La lista sarà sottoposta ad istruttorie ed eventuali modifiche per poi essere rimandata a Napoli dove verrà analizzata prima in Segreteria Regionale e, successivamente, in Direzione Nazionale. Nel vertice, tenutosi alla presenza anche di Maurizio Martina, Lorenzo Guerini e del Presidente del Pd, Matteo Orfini, ci sarebbe stato già qualche scambio di opinioni. Proprio Orfini avrebbe indicato in Rosetta D’Amelio e Valentina Paris i propri riferimenti irpini, ricevendo un primo stop della Tartaglione disposta a concedere un solo nome al Presidente del Pd nazionale. La soluzione potrebbe arrivare in una scelta tra le due che potrebbe essere appannaggio di Paris o nel dirottamento, come già anticipato da queste colonne nei mesi scorsi, dell’ex Responsabile Nazionale Enti Locali del Nazareno in un collegio non campano.

Lo stesso Segretario Regionale ha anche guardato alla proposta nei collegi in Irpinia rispetto alle alleanze: il Partito Democratico avrà un proprio nome in due dei tre collegi.

Intanto, nello scorso pomeriggio, il Commissario del Pd irpino, David Ermini, ha incontrato i sub-commissari Giuseppe Di Guglielmo e Mario Pagliaro a via Tagliamento. A poco più di 24 ore dal rinvio del Congresso Provinciale, l’onorevole toscano ha tracciato le linee da seguire in vista della campagna elettorale e guardato ai congressi di circolo: Ermini avrebbe accettato l’allungamento dei tempi richiesto dalla Commissione Provinciale per il Congresso in merito all’elezione delle nuove segreterie delle sezioni. La deadline, quindi, dovrebbe essere spostata al 28 gennaio.

Lascia il tuo commento

Comment
Moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

Comment

Luca scrive:

I sub commissari! Manco fossero il sub comandante Marcos.