Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

L’intervista

Seicento piante da curare per un ritorno alla cultura rurale: tutto questo è "Adottiamo un vigneto"

Autoproduzione, natura, sostenibilità e benessere, su questi quattro pilastri poggia l’iniziativa della neonata associazione "Sorsi d’Irpinia" che domenica terrà la prima lezione di potatura nel vigneto di Carmine a Manocalzati, affidato all’impegno dei partecipanti: guidati da un agronomo impareranno le nozioni fondamentali e tutti insieme cominceranno questo percorso a tappe verso la vendemmia. Ci siamo fatti raccontare come nasce il progetto e come andrà avanti...

Dalla potatura della vigna al bicchiere, avete mai pensato di fare voi stessi il vino che bevete?

E’ un’idea che ha lanciato la neonata associazione Sorsi d’Irpinia che unisce prima di tutto tre amici - Roberto, Claudio e Maria Luigia - e mette insieme tanti appassionati, persone che hanno voglia di sporcarsi le mani e di riacquisire un legame con la terra.

Così, da una chiacchierata, è nata l’iniziativa “Adottiamo un vigneto”: questa domenica è prevista la presentazione nel vigneto del signor Carmine a Manocalzati, a partire dalle 10 ci sarà il primo incontro con l’agronomo e una merenda contadina all’aria aperta per cominciare questo viaggio che prevede più tappe alla riscoperta della lentezza, di odori e sapori autentici. La giornata è libera e aperta, basterà portare con sé un paio di forbici adatte, per aiutarsi nello sfalcio delle viti e presentarsi svegli e attivi al punto di ritrovo, in Viale Italia 215, alle 9.30: ma tutte le informazioni utili potete trovarle qui.

Lezioni teoriche e pratica sul campo, si entra nel vivo il 23 gennaio con la prima ora di formazione e si va avanti fino a quando la fase della potatura sarà completata, intorno all’8 febbraio: «Carmine ci ha affidato il suo vigneto dopo che avevamo mostrato il nostro interesse - ci spiegano gli organizzatori – ce ne prenderemo cura come un figlio, lo seguiremo in tutte le evoluzioni e produrremo il nostro vino. E’ una sfida ma è soprattutto una responsabilità, quella di portare avanti un progetto ambizioso e di dimostrare a Carmine che la sua fiducia è stata ben riposta».

Avranno seicento piante di cui occuparsi e non vedono l’ora di cominciare il lavoro: «Aiuterà tutti a riprendere contatto con la natura, ci spronerà a rallentare i ritmi della nostra vita quotidiana. Sarà un’esperienza che ci porterà indietro nel tempo, all’epoca dei contadini, dove non esisteva l’orologio, era il sole a scandire le giornate e c’erano soltanto le stagioni da seguire. Ci riapproprieremo di quei rituali e di quelle abitudini, rivedendo anche le priorità, oggi è sempre più importante ricercare e recuperare il benessere, la sostenibilità e una migliore qualità della vita».

Si procederà ovviamente con la lavorazione del terreno, con la schermatura del vigneto - sfalcio di piante erbacee e irrorazione di prodotti che lo proteggono dai parassiti - andando avanti con operazioni e trattamenti, fino al momento della vendemmia, quello più atteso.

L’autoproduzione si insegna e si pratica in vigna, quella di Sorsi d’Irpinia è una piccola storia di decrescita che racconta il bisogno di un mondo nuovo e il desiderio di procedere un passo alla volta verso un’esistenza a basso impatto ambientale. Si fa autoproduzione avviando un orto, si preparano in casa le creme o i saponi e si può condividere anche la viticoltura, brindando all’impegno profuso per godersi questo nettare dalla storia antichissima: «Con “Adottiamo un vigneto” cominciamo a tracciare una strada, vorremmo continuare coinvolgendo sempre più persone anche in iniziative diverse, perché insieme possiamo portare avanti le tradizioni e ridare valore al territorio in prima persona, sarà un percorso materiale ed emozionale che ci permetterà di immergerci in quella cultura rurale che si lega a produzioni di qualità, anche se questo vino lo produciamo per noi e per gli amici».

Lascia il tuo commento

Comment
Moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

Non ci sono commenti all'articolo.