Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

In diretta dal Paladelmauro

Sesta sconfitta di fila, Scandone in caduta libera: al Del Mauro passa anche Sant’Antimo

Monologo della Geko che, senza sforzo, umilia Avellino e si prende i due punti. I lupi durano meno di un quarto: termina 72-96

Dai cinque minuti di Corato agli otto del derby. La Scandone becca l’ennesima umiliazione stagionale e non riesce a tenere il ritmo degli avversari di giornata, la Geko Sant’Antimo di coach Patrizio, solo per un quarto. Gli altri tre sono un monologo della Partenope che, caldissima da tre, prende il timone delle gara e non lo lascia più, veleggiando velocemente verso la vittoria. Per la Scandone, quindi, l’ennesima domenica amara, oltremodo umiliante: termina 72-96.

DI SEGUITO LA CRONACA DELLA GARA

ULTIMO QUARTO - La tripla di Sergio porta la Partenope sul +17 e, tra qualche clamorosa svista arbitrale, la situazione non cambia. Anzi, per Avellino peggiora: Milosevic segna il +21 per Sant’Antimo mentre la Scandone continua la sua caduta libera. Termina 72-96.

TERZO QUARTO - Rajacic e Marchetti provano a ridare vita ad Avellino, ma Carnovali piazza la tripla del +12 per Sant’Antimo: 42-54. La Scandone prova, con qualche sprazzo, a venire fuori dal vicolo cieco nella quale si è infilata ma non c’è verso di cambiare rotta: l’ennesima tripla di Smorra porta il punteggio sul 46-59, Matrone segna il +15. La bomba di Provenzani, lasciato completamente solo da una Scandone in bambola, vale il 46-64 ed ammutolisce il Del Mauro. Bianco, da tre, e Marchetti tentano di riaccendere il motore biancoverde ma Sant’Antimo amministra il vantaggio: si va all’ultimo riposo sul 56-70.

SECONDO QUARTO - Piovono triple (vanno a segno Smorra, De Leo e Carnovali) e Sant’Antimo prova a scappare: il canestro di Smorra segna il +9 per gli ospiti, De Gennaro chiama time-out. Bianco dà la sveglia ai compagni con cinque punti, si rivede anche Locci ed Avellino torna a-4: 27-31. Marzaioli becca un tecnico per proteste e la Geko torna a +7 con Carnovali: 27-34 a meno di quattro minuti dall’intervallo lungo. Si accende Marzaioli che piazza i sei punti del -3 (33-36), ma la Partenope schiaccia il piede sull’acceleratore Smorra: 35-44 e nuovo +9 per gli ospiti. La tripla di Carnovali mette in ginocchio i lupi: si va all’intervallo lungo sul 38-48.

PRIMO QUARTO - Locci e Marzaioli mettono in moto la Scandone, Sant’Antimo tiene con Matrone: la tripla di Stanzani rompe l’equilibrio iniziale, 7-4. Mentre Avellino litiga col ferro, la Geko passa in vantaggio con Milosevic e Carnovali: 7-8 a metà periodo. Rajacic rompe il digiuno di Avellino, Dilas riporta il vantaggio dei lupi a 3 punti: 11-8. I ritmi si alzano e Sant’Antimo, spinta da un Sergio infallibile dalla lunga distanza, prova a prendere il comando del match salendo sul 15-18. Avellino tenta di restare in scia con Dilas, ma l’ennesima tripla di Sergio porta la Partenope sul +4:17-21, si va così al primo riposo.

Lascia il tuo commento

Comment
Moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

Non ci sono commenti all'articolo.