Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Palazzo di Città

Salta il Consiglio su Politiche Sociali e Piscina. L’ironia di Preziosi: «Maggioranza assente sui bilanci, figuriamoci su questioni simili...»

Solo dieci presenti in Aula, la seduta è rinviata in seconda convocazione ma non c’è certezza sui numeri. Il capogruppo d’opposizione attacca: «Dovevamo parlare di occupazioni abusive, Piano di Zona e strutture comunali. Ma nell’Amministrazione nessuno vuol muovere una foglia prima della campagna elettorale». Pronta la richiesta di un’Assise straordinaria sul caso assunzioni

Solo dieci presenti all’appello del Segretario Generale, Riccardo Feola, ed il Consiglio Comunale che avrebbe dovuto trattare, tramite le informative degli assessori al ramo, la questione della Piscina Comunale, degli Alloggi Popolari e delle Politiche Sociali si arena già in prima convocazione. In Aula, oltre a due terzi del gruppo "SiPuò", Dino Preziosi e Lino Pericolo ci sono solo il Sindaco Foti ed i consiglieri Matetich, Miro, Festa e Melillo.

Una debacle, come riportato nelle scorse ore, annunciata e che potrebbe ripetersi anche in seconda convocazione (dove serviranno 11 unità in Aula). Questo nonostante la presenza, tra gli scranni della Giunta, degli assessori Mele (Politiche Sociali) e Valentino (Patrimonio) e delle loro rispettive relazioni in risposta alle informative chieste da "SiPuò".

«Non c’è da meravigliarsi rispetto all’assenza della maggioranza, - ironizza il capogruppo d’opposizione, Dino Preziosi - i consiglieri non sono presenti neanche quando in Aula arriva il Bilancio, figuriamoci oggi. Eppure si trattava di un Consiglio Comunale molto serio, avremmo dovuto parlare della Piscina Comunale, delle altre unità immobiliari che l’ente dà in uso ed in gestione e che vengono utilizzate per scopi non istituzionali».

Il riferimento delle minoranze continua la sua battaglia rispetto al caso assunzioni. Dopo l’invio di tre esposti alla Guardia di Finanza, Preziosi preannuncia la richiesta di un’Assise straordinaria proprio sul tema: «Chiederemo un Consiglio Comunale sulle assunzioni illegittime sperando che l’Amministrazione le revochi in autotutela. Ho presentato tre esposti alla Guardia di Finanza perché, secondo il mio parere, tutta l’attività svolta non sia conforme. Fu facile profeta sul Bilancio - ricorda il consigliere - e non intendo essere correo laddove vi fosse un reato. Ci sono tante stranezze, a partire da un nulla osta chiesto due ore prima che la graduatoria finale venisse pubblicata. Non è stato, tra l’altro, sottoscritto nessun rapporto di lavoro e dal primo gennaio, visto lo status di ente strutturalmente deficitario, il Comune non può provvedere ad assunzioni».

Non mancano, infine, le stoccate a Teresa Mele, titolare alle Politiche Sociali, e all’Amministrazione: «La latitanza è su tutto. Sul Piano di Zona, sui Servizi Sociali, sull’istituzione del dormitorio. Ma da questa Amministrazione sarebbe impossibile aspettarsi il contrario, anzi sarebbe strano se cambiasse registro. Sarebbe stato bello, visto la campagna elettorale in partenza, parlare di occupanti abusivi nelle case di proprietà del Comune e dei mancati sfratti. Vorrei sapere perché non sia ancora stato pubblicato il bando per l’assegnazione degli alloggi popolari, nonostante l’Iacp abbia inviato tutti i dati necessari per partire con la procedura. Qualcuno - conclude Preziosi - non vuol muovere foglia, probabilmente per non scomodare nessuno prima della campagna elettorale».

Lascia il tuo commento

Comment
Moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

Comment

scrive:

Erano tutti a letto con l’influenza.......