Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

La nuova campagna

“Real Leather is Real Sustainability”. Parte la nuova campagna della Unic che promuove la Pelle italiana nel Mondo

Realizzata in collaborazione con l’agenzia internazionale “Spring Studios” si rivolgerà ai consumatori per far comprendere il valore assoluto di un prodotto che è una eccellenza del Made in Italy

In questi giorni è partita la nuova campagna worldwide della Unic, l’Unione nazionale dell’Industria conciaria italiana per la promozione della pelle su scala mondiale. Il titolo è emblematico: “Real Leather is Real Sustainability” ovvero, la vera pelle è la vera sostenibilità.

La campagna è stata realizzata in collaborazione con l’agenzia internazionale Spring Studios e avrà un target prevalentemente “consumer”. Il messaggio avrà l’obiettivo di riportare al centro il valore assoluto di un prodotto dell’eccellenza Made in Italy e la cui identità si basa su indiscutibili caratteristiche di naturalità, circolarità, durabilità e creatività”.

“Real Leather is Real Sustainability” sarà veicolata sul web e sulle tante piattaforme social, sottolineano dall’associazione dei conciatori italiani, ma utilizzerà anche i canali tradizionali e sarà protagonista di iniziative specifiche.
Sei saranno i concetti che verranno sviluppati in un visual accattivante e di immediata leggibilità: Organic, Plastic Free, Sustainable, Green, Recyclable, Bio. Tutti tasselli che trovano concreta sintesi nel concetto 100% Leather.

«La campagna punta a diffondere e rafforzare la conoscenza e la consapevolezza della pelle, soprattutto presso le generazioni più giovani. Ne comunica l’identità di storico e consolidato esempio di economia circolare - sostiene Unic - La pelle, infatti, è un sottoprodotto dell’industria alimentare destinato, altrimenti, a essere oggetto di tecniche di smaltimento molto impattanti sull’ambiente. L’industria conciaria, invece, lo recupera, lo nobilita e lo trasforma in un materiale ad altissimo valore aggiunto e dalle molteplici destinazioni d’uso: moda (pelletteria, calzatura, abbigliamento), automotive, arredo e design».

Le motivazioni che hanno spinto Unic ad investire in una campagna così ambiziosa e così articolata sta tutto nella necessità – non più derogabile – di comunicare i tanti plus che fanno della pelle Made in Italy un bene sostenibile, ma anche – come sostengono da Unic «smentire le accuse paradossali che le sono rivolte da campagne fuorvianti, basate su assunti errati e, a volte oggettivamente oltre il limite del ridicolo».

Lascia il tuo commento

Comment
Moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

Non ci sono commenti all'articolo.