Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Primavera Irpinia arriva a Cervinara. Morano nomina Clemente coordinatore cittadino

Ieri presso la sala Consiliare comunale di Cervinara, è avvenuta la presentazione del coordinamento cittadino di Primavera Irpinia. Un pomeriggio di successo per la cittadina della valle caudina, con la presenza di tantissimi ragazzi pronti ad impegnarsi in questa nuova sfida per il territorio.

Morano ha nominato Luca Clemente coordinatore cittadino, lo stesso Clemente nel suo intervento ha ringraziato il presidente per la fiducia, e il suo grande gruppo per il supporto. Non era previsto l’intervento di Giuseppe D’Alessio, il portavoce provinciale della lega giovani Avellino, che ha voluto salutare e ringraziare tutta la comunità di Cervinara. Ha poi menzionato l’importanza della valle caudina, ribadendo che non debba essere l’ultimo vagone di un treno e nemmeno un serbatoio di voti per qualche politicante. Successivamente è stato il turno del dr. Enrico Venezia, responsabile sanità, che ha introdotto l’argomento del convegno “Referendum per la Macro regione autonoma del Sud” illustrando in maniera impeccabile l’importanza della macro regione autonoma con particolare attenzione al settore della sanità.

L’incontro moderato egreggiamente dal giornalista Giuseppe Vaccariello ha visto poi l’intervento del dr. Massimo Bimonte, coordinatore di Primavera Irpinia e responsabile per referendum, che ha esposto le ragioni economiche, storiche e sociali che hanno determinato l’esigenza della consultazione, e le ricadute positive sulla vita dei cittadini della Macro regione. Ha concluso il convegno il presidente Sabino Morano, facendo per l’ennesima volta, un’analisi profonda sulle difficoltà del sud Italia e in modo particolare delle aree interne. Ha sottolineato l’importanza di una nuova classe politica irpina e campana, passando dal problema della delocalizzazione del sud Italia e dell’occidente, per poi passare alla conseguenza dello spopolamento. Per concludere con l’importanza della Macro regione come ponte e piattaforma logistica tra l’Africa e l’Occidente.

Lascia il tuo commento

Comment
Moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

Non ci sono commenti all'articolo.