Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Palazzo di Città

«Presto la pubblicazione del bando Sprar. Parteciperemo alla finestra di marzo»: Migranti, Mele chiarisce in Consiglio

Solo 8 presenti in prima convocazione, c’è tempo solo per le interrogazioni. Giordano durissimo: «Ennesima Assise deserta, questa Amministrazione porta avanti una "macelleria democratica"». Preziosi chiede lumi sulla vicenda dei condomini di via Gesualdo, lasciati senza riscaldamenti

Seduta lampo, come anticipato, per il Consiglio Comunale di Avellino. Solo otto i consiglieri presenti in Aula al momento dell’appello: tra le fila della maggioranza solo Barbara Matetich, Gianluca Festa e Nicola Poppa. Il deserto ha scatenato le ire dell’opposizione: Giancarlo Giordano ha parlato di «macelleria democratica. Il Comune di Avellino non è mai caduto così in basso - ha affermato il parlamentare - l’Amministrazione spieghi perché vuol continuare a governare anche senza una maggioranza».

La mezz’ora di interrogazioni sono serviti per avere un primo quadro rispetto alla questione migranti. A sollevare la questione è stata Nadia Arace, la risposta da parte dell’Amministrazione è arrivata per bocca dell’Assessore Mele: «Il bando per lo Sprar è già pronto - ha sottolineato la titolare alle Politiche Sociali - e sarà pubblicato a breve. Parteciperemo, quindi, alla finestra ministeriale di marzo. Non abbiamo beni comunali utili ad ospitare 50 migranti, ma forniremo dei locali per lo svolgimento di alcune attività».

LA DIRETTA DEL CONSIGLIO COMUNALE

ORE 16:05 - Solo 8 presenti all’appello del Segretario Feola. Tra i banchi della maggioranza solo Matetich, Festa e Poppa. Il Consiglio si insedierà nuovamente domani mattina, alle ore 10, in seconda convocazione.

ORE 15:57 - La risposta dell’Assessore alle Politiche Sociali, Teresa Mele: «Il Bando per lo Sprar è pronto da un paio di mesi. Con la delibera abbiamo demandato alla dirigente del Settore a pubblicare il bando. Accederemo alla finestra di marzo. Da uno screening effettuato, però, non sono state individuate strutture comunali idonee. Metteremo a disposizione dei locali comunali idonei ad essere utilizzati come laboratori per attività rivolte agli immigrati. Nel Piano di Zona c’è una voce per il pronto intervento sociale, stiamo guardando a trovare una soluzione per offrire riparo a chi vive in strada, soprattutto in questi giorni di freddo. A gennaio attiveremo il consueling scolastico con l’assistenza di una psicologo inviato dal Comune per dialogare con i ragazzi "difficili" ed evitare situazioni spiacevoli. Comincremo con il "Manlio Rossi-Doria". Per il caso di via Gesualdo, tutto è stato risolto poco prima di Natale. Il tutto è nato dal mancato pagamento dei canoni del gas, l’amministratore ha chiesto al Comune un aiuto in questo senso. Faremo una delibera per contrastare gli inquilini volontariamente morosi. Chiederò, vista l’assenza, l’allaccio Sidigas di provvedere alla definizione di singoli allacci condominiali. Non è stato il dirigente a staccare la fornitura, lo ha fatto la società di fornitura del gas».

ORE 15:53 - L’interrogazione del consigliere Dino Preziosi: «A via Gesualdo ci sono 14 famiglie, la cui gran parte è in regola con i pagamenti. L’ente pubblico ha commesso una "sceriffata", non ha intrapreso le vie legali per colpire i morosi, ma stacca i riscaldamenti colpendo tutti. La morosità si divide tra volontaria ed incolpevole, a seconda della situazione economica delle famiglie. Alcune di queste sono state prese in giro dell’Amministrazione e sono rimaste al freddo. Mi rivolgo all’Assessore Mele, in quanto avvocato, si colpiscano i morosi volontari e si aiutino quelli incolpevoli. Chi ha autorizzato un dirigente di questo ente a staccare la caldaia?».

ORE 15:46 - L’interrogazione del consigliere Giancarlo Giordano: «Il Consiglio Comunale va di nuovo deserto, per ammissione del capogruppo Giacobbe non c’è la possibilità di mettere insieme 17 consiglieri di maggioranza. In un regime democratico non ci sarebbero le condizioni per governare. Foti ed i suoi, abusivamente, hanno preso in ostaggio questo ente. Mi rivolgo al vicesindaco, tutto questo è normale? Si può pensare di governare sempre in seconda convocazione? Il Sindaco si preoccupa del Congresso del Pd, invece della città di Avellino. Non c’è una maggioranza che vi sostiene. Il Pd ha 90mila iscritti in Italia, 12mila solo in Irpinia ma non vedo sostenitori che vengono ad applaudirvi. Non avete rispetto per le istituzioni, questa è macelleria democratica. Il Comune di Avellino non è mai caduto così in basso. Spiegatemi, per iscritto, perché mai dovete continuare a governare senza una maggioranza. Su Piscina, Parcheggi, Acs, Rifiuti, Patrimonio nessuno ci risponde».

ORE 15:38 - L’interrogazione del consigliere Nadia Arace: «Mi rivolgo all’Assessore Mele in merito alla delibera di Giunta che vede il Comune di Avellino aderire, per la seconda volta, al protocollo Sprar. Abbiamo perso 10 mesi, cosa hanno fatto gli uffici in tutto questo tempo? Perché le delibere non vengono attuate? Cosa questa nuova delibera chiarisce rispetto all’individuazione di una struttura capace di ospitare 50 migranti? Le fineste temporali del Ministero sono fissate in marzo e settembre, ne abbiamo già mancate due su due se guardiamo al 2017. Il Ministero, comunque, accoglie le domande durante tutto l’arco dell’anno. Per quanto riguarda i locali da adibire a dormitorio, dove, con chi ed in quanto tempo sarà individuata questa struttura? Perché non utilizziamo tutti gli strumenti di programmazione per tempo al fine di dar vita ad investimenti immateriali che farebbero bene a quelle persone che vivono una condizione di disagio. L’Assessore Valentino faccia chiarezza sulla questione riguardante la casetta di vetro di Piazzale Kennedy. L’Assessore Penna è assente, ma avrei bisogno di chiarimenti sulla Differenziata. I cittadini di Avellino sono diventati dei dipendenti di Irpiniambiente? Agli avellinesi è affidata la custodia e la vigilanza di carrellati e pattumiere e rispondono di eventuali danni perpetrati da altre persone. Immaginare che un anziano resti sveglio per vigilare sui carrellati è improponibile. I ricorsi alle sanzioni rispetto allo smaltimento improprio vale solo per quanto riguarda il suolo pubblico»

ORE 15:37 - Partono le interrogazioni.

Lascia il tuo commento

Comment
Moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

Comment

mb-89 scrive:

che massa di incompetenti senza coraggio.
vediamo di far svanire anche le polemiche sulla piscina comunale.
a detta della Valentino era già partita la rescissione. Ci terremo ancora questi mezzi criminali in casa a far man bassa?

Comment

scrive:

Bastaaaaaaaaaaaaaaa