Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

L’indiscreto

Politiche, a "Civici Popolari" il collegio altirpino per la Camera? Così D’Amelio sarebbe in bilico e ad Avellino...

Qualora le voci venissero confermate De Mita jr supererebbe il Presidente del Consiglio Regionale. Si aprirebbe anche la partita nell’omologo collegio del capoluogo: servirebbe un candidato donna, derby Paris-Santaniello?

«Correremo con il nostro partner di governo nei collegi pluri ed uninominali», Beatrice Lorenzin, Ministro della Salute nei governi Renzi e Gentiloni e guida politica del movimento “Civici Popolari”, solo qualche giorno fa, aveva chiarito il raggio d’azione della lista alleata del Partito Democratico alle Politiche del prossimo 4 marzo. Sul punto ci sarebbe già una novità: Lorenzin, infatti, avrebbe “strappato” a Renzi ben tre collegi uninominali in Campania. Quello di Castellamare di Stabia, uno nel Cilento e quello dell’Alta Irpinia.

Queste voci, qualora confermate, ufficializzerebbero il disco verde alla candidatura di Giuseppe De Mita e cambierebbero la posizione di Angelo Antonio D’Agostino e Rosetta D’Amelio. L’onorevole di Montefalcione, infatti, alla luce del diktat di Napoli («Solo un collegio uninominale irpino agli alleati») si vedrebbe tagliato fuori. Lo stesso accadrebbe al Presidente del Consiglio Regionale che vedrebbe il suo posto occupato dal deputato di “L’Italia è Popolare” e potrebbe essere dirottata al Senato. Una posizione che, il Presidente del Consiglio Regionale, difficilmente accetterebbe.

Ma non solo, la possibile esclusione di D’Amelio dall’uninominale per la Camera spingerebbe, in virtù del rispetto delle quote rosa, il Partito Democratico a dover schierare una donna nell’omologo collegio di Avellino: il nome sarebbe quello di Valentina Paris, ma c’è chi parla della possibilità di poter vedere Roberta Santaniello. Ad ogni modo, un vero e proprio ribaltone.

Intanto, nella giornata di ieri, Matteo Renzi ha incontrato, a Roma, il Governatore della Campania Vincenzo De Luca. Il numero uno di Palazzo Santa Lucia oltre ad aver confermato la candidatura del figlio Piero a Salerno avrebbe perorato la causa dei suoi candidati, tra i quali spicca anche Rosetta D’Amelio. Insomma, la faccenda si fa intricata.

Lascia il tuo commento

Comment
Moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

Comment

scrive:

Ma qual è il problema?? Rosetta o Peppino??? È la stessa cosa!!! Un corpo e un’anima ...

Comment

scrive:

Ma avete capito op nn vi e’ ancora chiaro, quello che avete seminato????? Marciumeeeee, ed quello che I cosiddetti sfigati hanno dovuto raccogliere, non abbiamo piu un futurooooo