Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Il dibattito

«Parco Urbano del Fenestrelle, vera rivoluzione green di Avellino»: La Uisp invita il sindaco Festa alla sfida

L’associazione di promozione sportiva da sempre crede nell’attuazione di un’idea, ormai maggiorenne, che cambierebbe, in meglio, la vita di Monteforte, Mercogliano, Avellino e Atripalda. Il presidente provinciale Troncone pronto ad incontrare la fascia tricolore per una collaborazione: «Ci basta sapere che nella visione ventennale o trentennale del sindaco ci sia la realizzazione del Parco, poi può contare tranquillamente sul nostro aiuto. Il progetto esiste, basta solo spolverarlo»

Piace alla Uisp l’idea di rispolverare il progetto per il Parco Urbano del Fenestrelle. Del resto, fu proprio l’Unione Italiana Sport Per tutti, nel maggio del 2016 a far tornare in auge l’idea tanto cara al sindaco, Antonio Di Nunno. In quella sede, i Comuni di Monteforte Irpino, Mercogliano, Avellino e Atripalda, addirittura la Regione Campania nella persona del Presidente del Consiglio Rosetta D’Amelio, accolsero con favore l’idea di creare un mega parco che costeggiasse i quattro Comuni. Ma poi, nonostante l’impegno iniziale dell’allora assessore all’Urbanistica, Ugo Tomasone che raccolse le indicazioni delle associazioni per redigere un master plan, non se n’è mai fatto più nulla e il progetto è tornato negli scaffali di Palazzo di Città.

Il nuovo sindaco di Avellino, Gianluca Festa, in campagna elettorale, ha più volte annunciato una “svolta green” per la Città. Di recente ha anche parlato di un “Piano Urbano del Verde. Quale occasione migliore per riprendere quel discorso che risale alla notte dei tempi e proporre al primo cittadino di farsi promotore della realizzazione di un mega parco che parta dalle Molinelle, nel comune di Monteforte Irpino, lambisce le rive del Torrente Fenestrelle passando per il Parco Santo Spirito e arrivando fino ad “Abellinum” nel comune di Atripalda.

«Il progetto è pronto. Lo sanno al Comune di Monteforte Irpino, di Mercogliano di Atripalda e di Avellino - spiega il Presidente provinciale della Uisp, Renato Troncone - fino ad oggi è mancata la volontà di trasformare quell’idea, che probabilmente è diventata maggiorenne, in realtà. Abbiamo ragione di credere che il sindaco Festa abbia tutte le carte in regola per rispolverare quel carteggio e realizzare qualcosa per cui i quattro comuni coinvolti, ma tutta l’Irpinia potrà beneficiare per sempre. Noi ci candidiamo per aprire una collaborazione fattiva con l’amministrazione. Del resto, mi pare di capire che viaggiamo sulla stessa lunghezza d’onda».

Estendere il diritto allo sport per tutti i cittadini, è sempre stata questa la vocazione della Uisp, associazione di promozione sportiva fortemente radicata sul territorio che di recente ha firmato tre convenzioni con istituti comprensivi di Mercogliano, Monteforte Irpino e Montella ed è in procinto di firmarne uno con la scuola di San Tommaso e di Atripalda. Si tratta di un accordo quadro triennale con progetti condivisi con gli istituti. Il primo riguarda l’atletica leggera, ma ne saranno promossi tanti altri con la speranza che qualcuno, anche negli anni a venire, si possa sviluppare nel grande Parco Urbano.

«Noi ci mettiamo a completa disposizione come ente sportivo con il Comune di Avellino per collaborare - continua il presidente Troncone - promuovere le politiche sportive è fondamentale. Noi ci occupiamo di sport di base per le fasce più deboli e al momento collaboriamo con le scuole. Siamo consapevoli però che l’idea del Parco Urbano, che inseguiamo e sponsorizziamo da anni, porterebbe un giovamento enorme a tutta la comunità. Sarebbe il primo passo verso un vero cambio di mentalità per come si vive una Città. Il primo risultato sarebbe sull’aria che respiriamo, cambierebbe il modo di socializzare tra le persone, si utilizzerebbe meno la macchina e l’impatto sui bambini sarebbe benefico sotto ogni punto di vista. Ho vissuto esperienze lontano da Avellino ed ho potuto toccare con mano quanto un progetto simile possa cambiare in meglio una città».

La Uisp ha in mente di scrivere al sindaco di Avellino e incontrarlo per capire se si possano creare le basi per riprendere quel progetto che aspetta solo di essere realizzato e se si possa creare una collaborazione: «Siamo consapevoli - conclude Troncone - che non basterà uno schiocco di dita per far diventare realtà il Parco Urbano, ci basta sapere che nella visione ventennale o trentennale del sindaco ci sia la realizzazione di questo progetto. Deve solo esserne convinto. Siamo disposti a sederci attorno ad un tavolo per ragionare. Senza cercare responsabili. Ma farlo solo per il bene della città e dei suoi abitanti, dai più grandi ai più piccoli».

Lascia il tuo commento

Comment
Moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

Non ci sono commenti all'articolo.