Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Il dopogara tra Trento e Scandone

«Nel terzo quarto Avellino ci ha preso a sberle, bravi a reagire»: Buscaglia si gode il quarto posto

Il coach della Dolomiti Energia: «I play off si giocano per vincerli e non solo per parteciparvi. Noi ci proveremo, i bilanci alla fine»

La sua squadra ci ha creduto anche dopo aver ceduto di schianto in un terzo quarto in cui la Sidigas Avellino era stata perfetta. La Dolomiti Energia Trentino ha saputo reagire, vincere la partita e assicurarsi un prezioso terzo posto che le consentirà di affrontare la Dinamo Sassari con il conforto dell’ipotetica bella in casa. Al termine della gara questo il commento di coach Maurizio Buscaglia.

DI SEGUITO LE DICHIARAZIONI DI COACH MAURIZIO BUSCAGLIA - «Questa partita chiude una regolar season fantastica con una posizione definita di vertice. Nel girone di ritorno siamo cresciuti tantissimo. Per quanto riguarda la partita siamo partiti bene, stavamo facendo le cose che dovevamo fare. Probabilmente abbiamo perso troppi palloni rispetto all’agonismo difensivo che abbiamo messo. Avellino ci ha punito nelle zone in cui noi abbiamo rischiato ed è stata brava a cambiare l’inerzia della partita. Abbiamo rischiato di essere troppo improvvisati e per fortuna a due minuti dalla fine del terzo quarto abbiamo capito che eravamo noi a dover giocare e smetterla di inseguire. Questa è la nostra forza. Le ultime difese e gli ultimi possessi li abbiamo gestiti molto bene e contro questa Sidigas non era facile».

LA PARTITA - «La partita è nata in un modo, poi l’inerzia è cambiata e poi ce la siamo giocata punto a punto come se fosse stata una vera partita play off. Nei momenti importanti abbiamo effettuato buone scelte. Complimenti ad Avellino che ha dimostrato di essere veramente forte».

L’AMNESIA DEL TERZO QUARTO - «Ci ha tirato una bella sberla e siamo stati bravi a riprenderci. Praticamente non abbiamo proprio giocato. Ci siamo ripresi negli ultimi 2 minuti dell’ultimo quarto».

IL QUARTO POSTO DI TRENTO - «Non conoscevamo i risultati delle altre. Noi siamo scesi in campo per vincere a prescindere dalle altre. Il quarto posto in Serie A è un grande risultato e noi abbiamo scavalcato tante posizioni. Siamo cresciuti nel personale, nei giocatori e nei numeri. Sappiamo che ai play off dovremo fare sacrifici enormi, ma il quarto posto è tanta roba. Significa aver chiuso in prima fascia, significa Europa con la porta aperta, significa la bellezza di giocare di fronte al proprio pubblico».

I PLAY OFF - «Si giocano per vincere e non per partecipare. I conti si fanno dopo. Andremo in campo con questa idea. Dobbiamo avere la grande voglia di andare avanti e passare il turno. Vorrei 5/6/7mila persone al Palazzo e tanti maxi schermi per chi resta fuori».

Leggi anche Trento vince e conquista il quarto posto, per la Sidigas c’è di nuovo Reggio Emilia

Leggi anche «Senza tre lunghi ce la siamo giocata. Paghiamo per un’ingenuità finale»: Sacripanti fa i complimenti a Trento

Leggi anche Milano-Capo d’Orlando; Trento-Sassari; Venezia-Pistoia; Avellino-Reggio Emilia: ecco i play off scudetto 2017

Lascia il tuo commento

Comment
Moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

Non ci sono commenti all'articolo.