Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Palazzo di Città

Maggioranza assente, numero legale in bilico: il Consiglio su Piscina e Politiche Sociali destinato al flop

Tra influenze ed informative ancora in progress, la maggioranza dovrebbe disertare l’Aula almeno in prima convocazione. Facile immaginare l’ira dell’opposizione che attendeva chiarimenti sulla struttura gestita dalla Polisportiva Avellino, sul Piano di Zona e sugli Alloggi Popolari

Oggi no, domani forse. Il Consiglio Comunale che prevede, così come richiesto dal gruppo consiliare “SiPuò” ed accordato dall’ultima Conferenza dei Capigruppo, l’informativa degli assessori Paola Valentino e Teresa Mele su Piscina Comunale, Politiche Abitative e Politiche Sociali non si terrà. Almeno in prima convocazione. Larghe, infatti, le assenze che, a quanto pare, saranno registrate tra i banchi della maggioranza.

C’è chi riconduce tutto all’influenza di stagione che avrebbe minato le presenze dei consiglieri di maggioranza, chi alle difficoltà degli assessori di riuscire a mettere nero su bianco delle relazioni esaurienti (e questo, secondo rumors raccolti nelle scorse ore, sembrerebbe il caso dell’informativa sulle Politiche Sociali). Quel che è certo è che, oggi, buona parte della maggioranza non sarà presente in Aula Consiliare. Potrebbe, forse, esserci domani quando, in seconda convocazione, serviranno solo undici presenti per insediare la seduta.

Facile immaginare l’ira dell’opposizione pronta a chiedere lumi sul caso della Piscina Comunale per la quale, come noto, Palazzo di Città ha incardinato il procedimento per la rescissione consensuale dagli attuali gestori del bene comunale alla luce del debito, in capo a quest’ultimi, con il Credito Sportivo (la somma si attesterebbe attorno agli 800mila euro). Senza dimenticare la questione lavoratori, sollevata più volte dai consiglieri di “SiPuò”.

Lo stesso vale per il Piano di Zona, fermo al palo e con bandi pubblicati e, successivamente, sospesi e per le Politiche Abitative. Sul punto, il piano sfratti e quello relativo alle assegnazioni dei nuovi alloggi comunali per gli interventi di riqualificazione delle palazzine di proprietà dell’ente e per lo scorrimento della graduatoria sono ancora al passo d’avvio.

Lascia il tuo commento

Comment
Moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

Comment

scrive:

Arturo Iannaccone dove stava? E pensare che vuole un Foti bis.....Tutti hanno il diritto di dire ciò che pensano anche quelli che dovrebbero zittire!