Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Verso il voto

L’area de Caro perde pezzi in città, Ambrosone pensa alla fascia e fiuta altri sentieri

Alcune anime della componente, in dissenso rispetto alle prospettive emerse nel vertice di Monteforte e guidate dall’ex capogruppo del Pd, potrebbero guardare ad un percorso solitario rappresentando, all’interno del Pd, il contraltare a Festa

Nell’area che fa capo ad Umberto Del Basso de Caro c’è movimento. A pochi giorni dall’incontro della componente, tenutosi presso il Grand Hotel Irpinia, nel quale si è discusso di Amministrative (strizzando leggermente l’occhio alla candidatura di Gianluca Festa e prospettando, in caso di mancato accordo unitario sul profilo da lanciare nella corsa a Palazzo di Città, la possibilità delle Primarie) si registrano i primi leggeri ma significativi sussulti.

Alcune anime della componente, infatti, starebbero provando a definire un percorso autonomo rispetto a quello che, ufficiosamente, sarebbe stato tracciato nel vertice di Monteforte. In prima fila ci sarebbe Enza Ambrosone che, supportata dai consiglieri comunali uscenti Carmine Montanile e Stefano La Verde (tutti, compresa l’ex capogruppo del Pd a Palazzo di Città, assenti nella succitata riunione d’area), starebbe provando a lanciare la sua candidatura a sindaco di Avellino puntando sugli “scontenti” dell’area de Caro e del resto del Partito Democratico rispetto all’opzione Festa.

Il discorso, in questo senso, potrebbe essere aperto anche ai Popolari guidati da Maurizio Petracca che, però, alla luce di quanto emerso dalle parole del consigliere regionale guarderebbero, escludendo a prescindere qualsiasi dialogo con l’asse Festa - D’Agostino, ad un percorso che, muovendo dallo schema regionale, punti ad una proposta di rinnovamento e più inclusiva, che coinvolga innanzitutto quelle forze civiche che naturralmente si muovono su questo crinale. Petracca non ha mai nominato Cipriano ma è chiaro che il senso della sua intervista andava in quella direzione, seppur con dei chiari paletti riguardanti il metodo da adottare nella definizione dell’intesa e della proposta.

Lascia il tuo commento

Comment
Moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

Comment

pd scrive:

Siete messi male..ma male male...un altra sonora sconfitta a maggio..lo scempio di Avellino non si puo dimenticare in 6 mesi..

Comment

woot scrive:

Una cosa veramente straziante.Ambrosone sindaco.....
Ma non si è annoiata di candidarsi 874 volte...qual è il segno che ha lasciato in 30 anni di politica cittadina?Ma ritiratevi, c’è un limite a tutto!

Comment

pino scrive:

Ancora un cambiamento, ha fatto più volte lei la giravolta che una porta girevole. Mah

Comment

ilpastoredichiusano scrive:

Tutti anna tenè o diritto re si cantità... viecchi e nuovi... competienti e ciucci... realisti e sognaturi... ma a finalo è lo popolo c’adda race lo premio... è l’unico ca pote decide pè lo futuro re sta città!!

Comment

cittadino libero scrive:

Città messa male