Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Da tutti noi

«Io faccio no mestiere nobile e non aggio fatto le scole... songo gnorante ma tenevo ragione»: ilpastoredichiusano, uno di noi!

Comincia nel 2013 la lunga storia d’amore con uno dei nostri più lucidi e caustici follower. Analista della politica locale e nazionale che non teme confronti, il suo sarcasmo rurale ce lo ho fatto amare più di ogni altro nostro affezionato lettore. In perfetto stile Ortica, ilpastoredichiusano, in anni di costante frequentazione, ne ha avute per tutti, senza risparmio riuscendo a non farsi quasi mai censurare. E pur non essendo sempre d’accordo con te, caro pastore, abbiamo deciso di ringraziarti e di farlo pubblicamente

«Assa fa... c’hanno miso meno tiempo a fa lo papa che a fa sta giunta...»

Comincia così, nel luglio del 2013, con un commento al primo ‘casatiello’ sfornato dall’era Foti la lunga storia d’amore con uno dei nostri più lucidi e caustici follower. Analista della politica locale e nazionale che non teme confronti, il suo sarcasmo rurale ce lo ho fatto amare più di ogni altro nostro affezionato lettore. In perfetto stile Ortica, ilpastoredichiusano, in anni di costante frequentazione di queste pagine, ne ha avute per tutti, senza risparmio riuscendo a non farsi quasi mai censurare. «Io so pastore e so pure gnorante... faccio lo formaggio e governo le pecore...», s’è spesso schernito, ma come tutti i montanari ilpastoredichiusano ha dimostrato di avere scarpe grosse e cervello fino. Molo fino.

È stato e resta inarrivabile, il nostro, e ci ha fatto ridere di gusto, pure quando ci ha criticati e ci ha messi in ridicolo colpendo le nostre più profonde convinzioni. «Erino le 4 re stanotte e lo Iasuozzo re ponteromito mi pozza vottà ra lo lietto vestuto co l’elmetto e co lo ribbotto mmano... e mi fa pastò viestiti e carreca lo fucile... lo nepote re hitlèr ave dichiarato la uerra... li fascisti so pronti... stanno e scritte ncoppa li blocchi re gementa abbascio lo corzo re avellino... lo popolo è pronto a scenne pè bia... a face a protesta... e barricate... Io nc’aggio ritto Iasuò va a governà e pecore tu... e lo popolo ca è sciso miezzo a la via... pecché no teniti no cazzo re meglio ra face! Emmò chiamatimi fascista puro a me!!!»

Noi restiamo antifascisti e pensiamo che non si mai debba indietreggiare nemmeno di fronte a una vrancata di sciarmati quali possano risultare i fascistelli di casa nostra. E pur non essendo d’accordo su questo come su tanti altri punti, abbiamo deciso di ringraziarti e di farlo pubblicamente, caro pastore. Non abbiamo potuto accogliere la proposta fattaci da un altro lettore, Andrea, nell’ottobre del 2014, di aprirti una rubrica (anche perché non abbiamo mai capito chi sei) però per questo nuovo anno, tra i tanti auguri che ci facciamo, è che tu continui a tenerci compagnia, tanto più che la campagna elettorale incombe e ci sarà da vederne delle belle!

Come tu ci hai ultimamente ricordato «Sirvio stace tornanno… e puro ra incandidabile face uno voccone re sta vrancati re nommenati» tra le fila di un centro-sinistra che ha avuto come maggiore merito quello di riabilitare persino lui, «Sirvio ra Arcore», grazie al loro totale distacco da una realtà che certo non cambia investendo 80€ una volta l’anno («Stiemmo io, Iasuozzo re Ponteromito e Minuccio re Vesazza abbascio l’Anatolia a spaccà lo sale... nc’aveva fatto trovane sta fatica no giovine italiano... che però era no giovine turco ca se chiamava Matteo... ma no truono re lo maletiempo re l’ata sera mi fece sbandà rinto a lo suonno... infatti non poteva esse vero... lo giovine turco Matteo ca faticava... no poteva esse vero... non ave mai faticato rinto a la vita soa... ma ieva votanno co l’amica soa... Valentina re Atriparda a convince lo popolo ca li 80 euri sonco la manna ra lo cielo... la sarvezza re l’Italia... la soluzione re li problemi... penzai quisti campino a n’ato munno... à rassa nc’ave fatto perde lo contatto co la vita reale... mè facesse puro io 5-10 anni re fatica (favizissimma) comm a loro... invece re governà è pecore ncoppa lo montagnone… »).

Una distanza che si approfondisce ulteriormente se si somma a quella passa tra la vita delle persone in carne e ossa e quella di quanti pretendono di rappresentarle come «Robertina re lo Mandamento... à signorina ca vencivo lo posto a la Regione (Iasuozzo re Ronteromito rice ca è stata nominata non ave fatto lo concorzo)...» dove pure siede «lo povero Todisco» che tu hai visto «a surà mentre arrigliava le pummarole sotto lo sole... mentre faviciava lo grano a tremendo l’ati stevino in vacanza... povero figlio», prima di arrivare a Napoli dove si è deciso di restituire all’Irpinia il maltolto rendendole il sogno del treno. Un sogno talmente bello da far commuovere tutti.

Pure tu, pastore, ci hai raccontato di esserti commosso qul giorno fatidico alla Stazione di Lioni: «Me n’aggio fatti chianti... e quanti ce n’amma fa ancora…». In effetti, quelli che ci aspettano saranno anni tutt’altro che rosei se pensiamo che quelli che ci hanno preceduti, caro pastore, ci hanno lasciati pure senza acqua. «A sto Alto Calore vi siti magnati tutto... pure e porte e segge e scrivanie e lastre re fineste... 120 miliuni e riebbiti... ma comm ati fatto..»: è una bella domanda, pastore, come quella che riguarda i soldi mai investiti nella sicurezza delle nostre scuole, oggi tutte case carute.

Ma c’è poco da fare, caro pastore, la saggezza popolare è quella in grado di proporre le migliori e più efficaci soluzioni. Come la tua soluzione al caso “Mancini”: «Tenco no capannone vacante ncoppa Chiusano nci trasino tutti e 1200 compresi li bidelli li professuri e tutto l’ambaradan... li guagliuni se tenino ncuorpo pinno fa puro scola/fatica... e metto a governà e pecore... pè comannà rinto a la vita s’anna fane tutte le esperienze... v’ati portane li banchi e le segge... facitimi sapene... lo pastore stace a disposizione...». Noi proponiamo di tenerla presente in caso di nuove emergenze.

Perché, come ci hai spiegato anche sul caso Air, rispondendo alle analisi del giovane pentastellato di casa nostra, Carlo Sibilia, quel che conta, caro pastore, non è la forma ma la sostanza («Io lo purmanno lo piglio tutti li iuorni a saglie e a scenne ra coppa Chiusano... lo piglio spesso pé gline a Napoli... è Carletto che non l’ave mai pigliato. Comunquo me ne fotto se si chiamm air... busitalia… corrierarelofarwest... io metto mano a sacca e voglio no servizio decente... chi rice ca oggi è no servizio eccellente stace mbriaco...»). La sostanza che per te deve – giustamente – regnare sovrana in tutti gli aspetti della nostra vita pubblica e privata. Dai più goliardici a quelli più alti come nel caso de «Lo futuro de la curtura roppo lo Laceno d’oro??? O panino ca sasiccia...».

Del resto, come ci hai spesso ricordato tu, ad Avellino si mangia bene, specie dalle parti di Piazza del Popolo, dove si realizzano piatti di ogni tipo, in particolare polpette. «Porpetta fritta.... o porpetta cò sugo???»: noi ancora non lo abbiamo ben compreso, caro amico pastore. L’unico ingrediente certamente presente è stato il veleno di questi 5 anni di amministrazione e di governo. Fortuna che ci sei stato tu a indorare la pillola, caro pastore.

Per tutto questo ti diciamo grazie.

Lascia il tuo commento

Comment
Moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

Comment

ilpastoredichiusano scrive:

Stanotte stevo pè passà no uajo pè causa vosta... Iasuozzo re Ponteromito... chino re vino... m’ave scetato a le tre... alluccanno.. pastò si iuto a finì ncoppa a li giornali... pastò si uno re chiù lucidi e caustici follower!! Aggio pigliato la piroccola ra sotto ò cuscino e lo volevo lardià re palate... nciaggio ritto vaticorca ca stai mbriaco.... stai rinto a lo delirio re lo vino!! Invece Iasuozzo teneva ragione... lo pastore pozza ine a finì ncoppa a lo giornale!! Vi pozzati arricordà re tutto quillo c’aggio ritto rinto a sti anni... robba ca m’ero puro levato ra la capo... vui re sto giornale no stati bbuono!! Io songo fatto accossì quanno penzo na cosa a rico... e co sto articolo aggio penzato che spisso non pò esse che no gnoranto comm a mee tene ragione... songo quilli co le scole... co la cultura ca spisso tenino tuorto... e sta cosa mi porta l’amaro a lo core! Comunque anche se non penzo re m’ammeretà le belle parole che ati scritto pè me... vi fazzo li auguri re no buono 2018 e sicuramente doe macchiette sempe nce le continuammo a fa!!

Comment

scrive:

Grande pastore di chiusano ....lui si che ha capito tutto...

Pastore per sindaco di Avellino........votiamolo...
Buon anno.....