Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

La nota

Ingresso in fabbrica vietato, cassa in arrivo e venerdì l’assemblea tra azienda e parti sociali. I.I.A., qualcosa si muove

Appuntamento per venerdì 15 alle 12. La direzione annuncia un incontro presso la Direzione Generale del Ministero del Lavoro e chiede comprensione in una fase delicata: «Invitiamo tutti alla responsabilità, indispensabile per consentire ogni azione di rilancio, e confermiamo il nostro costante impegno per la soluzione dei noti gravi problemi sul tavolo»

La nota inviata dall’azienda alle RSA dello stabilimento di Flumeri di Fiom Cgil, Fim Cisl, Uilm, Fismic e Failms e alle segreterie territoriali di Fiom Cgil, Fim Cisl, Uilm, Fismic e Failms

Facendo seguito alla vostra comunicazione del 8/2/2019 siamo a convocare un incontro presso lo stabilimento di Flumeri (Av) per il giorno 15/02 alle ore 12.00 al fine di fornire le richieste informazioni riguardanti l’avanzamento delle attività per la ristrutturazione e l’avviamento degli stabilimenti di Industria Italiana Autobus.

Al contempo vi informiamo che la Direzione I.I.A. è in costante contato con gli azionisti, dopo le ultime modifiche agli assetti societari, per avviare percorsi di sviluppo dell’attività aziendale ed al tal fine siamo ad informarvi che è in corso la preparazione del tavolo di confronto aperto presso la Direzione Generale del Ministero del Lavoro propedeutico alla prosecuzione della sospensione dal lavoro per CIGS.

Sottolineiamo che che in questo momento non è possibile una completa ripresa dell’attività lavorativa per il necessario ripristino di diverse aree dello stabilimento e pertanto non è consentito, anche per ragioni di sicurezza, l’ingresso. Per tale motivo si diffidano codeste spettabili rappresentanze sindacali dall’invitare i lavoratori a comportamenti diversi che determinerebbero gravi responsabilità perseguibili a norma di legge.

Certi della vostra comprensione di questa delicatissima fase della vita aziendale invitiamo tutti alla responsabilità, indispensabile per consentire ogni azione di rilancio, e confermiamo il nostro costante impegno per la soluzione dei noti gravi problemi sul tavolo.

Lascia il tuo commento

Comment
Moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

Comment

malatempora scrive:

Caspita qui si parla di sicurezza, allora è una cosa seria.
Ci sarebbe però da chiedersi quanti siano gli autobus prodotti ed usciti da Flumeri nel corso del 2018.
Forse gli operai o i sindacati potrebbero esserci d’aiuto con i numeri.
Ed in quel caso, la sicurezza non valeva?

Comment

ortolano scrive:

Chiudetela e facciamola finita, 7 anni a spese dei contribuenti sono grasso che cola...

Comment

gianni scrive:

Maletempora smetti di fare del sarcasmo piuttosto ringrazia il tuo Dio che non sei stato denunciato tu per aver fatto le sceneggiate di una produzione senza attrezzature né sicurezza, sei davvero stomachevole.
Dicono che sei ancora sul libro paga della IIA quindi aspetti che qualcuno ti venga a ripescare? Magari il tuo pd
Fai più bella figura se taci per rispetto dei lavoratori che troppo spesso hai denigrato e quando parli di sindacato fai i dovuti distinguo non sono tutti uguali come i padroni

Comment

malatempora scrive:

@gianni
se me lo chiedi così gentilmente, pur essendo ateo, ringrazierò pure un Dio, ma dovresti argomentare un poco meglio.
Così giusto per capire il motivo della tua simpatica richiesta.
Di sicuro c’è che se fossi sul libro paga di IIA (perchè mai dovrebbero denunciarmi??), dato che come qualcuno afferma è diventata pubblica, ne sarei più che felice.
Purtroppo, ma fino ad un certo punto, non è così e la pagnotta me la guadagno altrove.
Qui di stomachevole c’è una situazione che si trascina da anni e che viene improvvisamente data come risolta, solo per scopi elettorali, quando è fin troppo evidente che non lo è.
Ma la mia domanda resta valida, sono usicti oppure no degli autobus costruiti nello stabilimento di Flumeri?
Quindi, se la sicurezza è così importante da far intimare oggi da parte della società agli operai di non rientrare in fabbrica, perchè non lo era quando gli autobus, anche se pochi si costruivano?
Non credo sia così difficile da capire, anche senza sarcasmo..

PS
ma siete ossessionati dal PD, chiunque la pensa in maniera diversa da voi votava da quella parte.
Vi hanno dato un manualetto con le istruzioni su cosa rispondere?

@ortolano
in queste condizioni, sono più che d’accordo.