Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

L’appuntamento

Il riassunto della settimana/5

Dall’abolizionismo nazionale in salsa elettorale passando per l’indagine francese sull’obsolescenza programmata degli Iphone arriviamo a Italia-Germania. Il risultato è di 170 arresti per ’ndrangheta

ELEZIONI POLITICHE, TUTTI PROMETTONO DI ABOLIRE QUALCOSA

Qualche riassunto fa vi avevo avvisati, siamo già in campagna elettorale e tutti iniziano a scaldare i cannoni spara-promesse. Siamo solo all’inizio, via via le promesse saranno sempre più grandi, come le valanghe dei cartoni animati che iniziano con una caccola di neve e diventano grosse come Adinolfi.

Abbiamo Salvini che se la prende con i vaccini perché siamo in inverno e gli sbarchi dei migranti sono per l’estate. Pietro Grasso vuole abolire le tasse universitarie quando basterebbe usare meglio quei soldi, come ad esempio migliorare le scuole dell’obbligo che ormai sono con pochi docenti, precari e sottopagati, in questo modo cresceremmo alunni così intelligenti da sapere che a 19 anni è meglio fare l’idraulico che l’avvocato.
Il vecchio Berlusconi, che ormai ha come chirurgo plastico Giovanni Muciaccia di ArtAttack, dice di voler abolire il JobsAct, proprio adesso che avevamo imparato a pronunciarlo. Caro Silvio, il JobsAct andrebbe esteso a chi ha più di 29 anni, così noi nati negli anni ’80 la smettiamo di essere sodomizzati dalla politica.

Giggino Di Maio ha invece detto che se va al governo, la prima cosa che fa è abolire 400 leggi, così, senza manco dire buongiorno, le prime che gli capitano a tiro, se abbiamo culo toglie la Merlin e la Fini-Giovanardi. Poi arriva Renzi che, per non sentirsi escluso dalla gara a chi piscia più lontano, dichiara di voler abolire il canone Rai. Forse non se n’è accorto ma ce lo siamo già abolito da soli, visto che ormai lo pagano solo nel Canton Ticino.

A questo punto, tenendo conto che tutti i candidati Premier sono già stati al governo, chi in maggioranza e chi in opposizione, mi sorge spontaneamente una domanda:
ma fino a mo’ che cazz’ aviti fatt?

Sinceramente preferisco l’On. Razzi che, spudoratamente ma in maniera candida e cristallina, ammette: mi faccio i cazzi miei!

fonte: "Cosa significa abolire le tasse universitarie" - ilpost
"Salvini, vaccini non più obbligatori" - corriere.it
"Di Maio, aboliremo 400 leggi" - Rainews
"Berlusconi, aboliremo il JobsAct, anzi no" - Repubblica
"Canone Rai, Renzi vuole abolirlo" - ilfattoquotidiano

LA FRANCIA INDAGA SULL’OBSOLESCENZA PROGRAMMATA DEGLI IPHONE

Ordiniamo i fatti.

Apple ammette che ha rincoglionito un po’ i vecchi iPhone per invogliare le persone a comprare i nuovi modelli.

I francesi, storicamente noti per la loro pacatezza di toni nei confronti dei ricchi snob, decidono di aprire un’inchiesta per il reato di obsolescenza programmata.
Incuriosito, approfondisco e scopro che, udite udite, in Francia esiste dal 2015 una legge contro l’obsolescenza programmata, ma non solo, esite un’associazione che lotta contro di essa.

Non voglio dilungarmi su altri aspetti, come l’enorme quantità di rifiuti che genera questa pratica, grazie ad essa abbiamo distese di tostapane abbandonati,oppure su come sociologicamente devii le persone, facendo smarrire l’attitudine a "riparare qualcosa" e contribuendo all’odierna estinzione delle piccole botteghe.

Torniamo all’aspetto economico,adesso leggete lentamente altrimenti vi gira la testa.
Se un bene dura 1 anno invece di 10 vuol dire che verrà acquistato 10 volte in 10 anni, questo vuol dire che verrà prodotto 10 volte e non 1, questo vuol dire che gli operai lavoreranno 10 volte e non 1.

Adesso voi direte: questo vuol dire che gli operai prendono 10 stipendi e non 1, oppure che verranno assunti altri 9 operai.

Stocazzo.

Gli stipendi sono gli stessi e siamo pieni di cassaintegrati.
Mentre in Francia sono sensibili a questo tema, noi in Italia abbiamo dato priorità ad altre associazioni:

-Unione Finti Sindacalisti
-Associazione non vedenti Pornhub
-Reduci libri Fabio Volo
-Anonimi Utilizzatori di "Pultroppo"
-Amici del marito di Maurizio Costanzo
-Associazione Sportiva Dilettantistica 100 metri drammatici stile D’Urso
-Volontari laici imbottigliamento Acqua di Lourdes, stabilimento di Padula
-Lega Italiana protezione Ex Parlamentari
-Fondo Solidarietà Partecipanti Reality Dimenticati

fonte: "Francia indaga su Apple" - Huffpost

ITALIA-GERMANIA: 170 ARRESTI PER ’NDRANGHETA

Maxi operazione a Catanzaro.

Tra gli arresti ci sono sindaci, vicesindaci, assessori, presidenti di Provincia, pizzaioli, radiatoristi, Salvatore Aranzulla e i due Leocorni.

I reati sono tutti ma proprio tutti, tranne divieto di sosta e transito in Ztl non autorizzato,
Controllavano tutto, dalle attività commerciali agli appalti pubblici, dai migranti alle concessioni edilizie, dalla tombola di Natale a casa di zia Santuzza fino al catetere di nonno Cenzino.

A Stoccarda operava una cellula dell’organizzazione, avete capito bene, una cellula, perché le cellule non sono solo dell’Isis ma ce l’ha pure la ndrangheta. Questa succursale della "Ndrangheta spa" si occupava del commercio di vini e di lavorati per pizza.

Ne parlo perché sembra faccia più scalpore un sacchetto per la frutta a pagamento che la conferma di un sistema marcio e corrotto. Sarà che ormai siamo assuefatti dalle mafie e non ci scandalizziamo più, sarà che facciamo finta di non vederle, sarà che ce ne vergogniamo, sarà colpa dell’euro, sarà colpa di Genny Savastano, sarà colpa di Pisapia, dei vaccini, dei comunisti, dei fascisti, dei democristiani e dei socialisti.

La mafia invece, non "sarà" ma "è".

E’ viva e vegeta, è capace di far credere che non esiste più.

Non possiamo neanche più dire che la mafia è una montagna di merda, ormai la mafia è una montagna di "noi", noi che non ne parliamo neanche più, noi che ormai siamo complici e conniventi.

"Noi con la Mafia" sarebbe un partito da 60-70% e forse già lo è.

fonte: "Catanzaro, 170 arresti per ’ndrangheta tra Italia e Germania" - ilfattoquotidiano

Lascia il tuo commento

Comment
Moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

Non ci sono commenti all'articolo.