Orticaland - Le rubriche di Ortica

Il riassunto della settimana

Il riassunto della settimana/4

  • Art Magazine

SACCHETTI PER LA FRUTTA A PAGAMENTO

Finalmente posso parlare pure io, stavo scoppiando. Ho ascoltato e letto tutti ma proprio tutti. Quelli che "un’etichetta per ogni pezzo di frutta senza usare il sacchetto così fottiamo il sistema" che poi però non sapevano che il prezzo del sacchetto era già incluso nella pesata e con questa strategia hanno pagato 180,00 euro per 6 mandarini.
Quelli che "la parente di Renzi ha la fabbrica di sacchetti più grande del mondo, che la coca-cola a confronto diventa come la gazzosa Arnone", Renzi non mi è simpatico ma se dovevamo alzare la voce era meglio farlo nei casi Finmeccanica-Leonardo,Agusta e banche varie. Ho ascoltato pure quelli del Codacons dire che spenderemo 50,00 euro in più annui a famiglia per colpa dei sacchetti per la frutta, calcolando il costo di 0,05 euro a sacchetto significa che una famiglia consuma 1000 sacchetti all’anno, 80 al mese, 3 al giorno. Caro Codacons, o avete preso come campione la famiglia di Mowgli con tutta la giungla e pure il libro, oppure il Codacons è un altro posto pieno zeppo di analfabeti funzionali che a stento riescono a dire "li vuoi quei kiwi".
Di tutta questa storia, utile come una sciarpa a Costanzo, voglio analizzare un unico punto, c’è un solo punto che mi sta a cuore. L’ISTERIA DI MASSA.
Immaginate la musica di Superquark così posso iniziare.
Sempre presente dalla nascita dell’uomo, l’isteria di massa è oggi ammirabile nel suo recinto virtuale, anche detto "i social". Ormai stanca, non scende più in piazza come fu nell’anno 1000 per la fine del mondo o qualche anno dopo per Giordano Bruno, Giovanna D’Arco e l’inquisizione in genere. Spazia da un argomento all’altro ma conserva un unico filo conduttore: mi girano i coglioni e devo sfogare. In teoria sarebbe meglio essere costruttivi e non distruttivi. Magari pensare: mi girano i coglioni, come posso fare a fermarli senza peggiorare la situazione? Chissà cosa facevano nei momenti di frustrazione Leonardo, Eistein o Tesla. Di sicuro Leonardo ha messo i kg di troppo alla Gioconda per ripicca, Einstein studiava l’universo per poter mostrare fino a dove può arrivare la vastità del cazzo me ne frega, infine Tesla che sperava di non passare alla storia come uno che ha il cognome di una macchina. Cosa voglio dire?
Che non c’è bisogno di essere un genio per capire cosa è prioritario e cosa non lo è per l’evoluzione della specie umana. O forse sì? Sono confuso, esco a comprare due noci, che tanto le vendono già imbustate, californiane, 7 euro al kg, lucidate con l’ammoniaca.

fonte: "legge sui sacchetti biodegradabili" - ilpost
"ecco come funziona la legge sui sacchetti biodegradabili" - il sole24ore

SIAMO IL TERZO PAESE AL MONDO PER VENDITA DI ARMI

Notizia di settembre passata in sordina, viene riproposta questa settimana sui social. Nel 2014 abbiamo venduto armi per 2,6 miliardi di euro, nel 2016 invece per 14,6 miliardi di euro. In due anni un incremento del 452%. L’ultima volta che noi italiani abbiamo fatto un affare del genere è stato nel 1869, quando l’esploratore Giuseppe Capeto acquistò, a nome della società di navigazione Rubattino, la baia di Assab in Eritrea, lo fece pagando al Sultano Raheita 104.000 lire. Oggi i nostri prodotti bellici sono presenti negli arsenali di circa 80 paesi, in questa classifica siamo secondi solo a Usa e Francia. I nostri migliori clienti sono il Kuwait, altri emirati meno famosi perché meno bombardati dagli Americani nel 1990, Turchia, Angola e Turkmenistan. Da buoni italiani siamo anche riusciti ad aggirare una nostra legge, la 185 del 1990 che vieta l’esportazione di armamenti verso i paesi in stato di conflitto armato. "Scusi dove va con quei 200 missili terra-aria?" - "da mia suocera" - "benvenuto nel nostro paese". Negli ultimi due anni, il Kuwait ha effettuato solo in Yemen 3000 missioni di bombardamento, spesso su obiettivi civili, uccidendo circa 10.000 persone, un terzo delle quali erano bambini.
Sicuramente da domani non vedrò italiani manifestare in piazza come gli hippy contro la guerra del Vietnam, però manco mi sento contento per la medaglia di bronzo alle Olimpiadi della Bomba. Una cosa è certa, non siamo più famosi solo per la pizza, il bunga bunga e Toto Cotugno, possiamo aggiungere gli elicotteri T129 Agusta Westland e i caccia Typhoon Eurofighter di Alelia Aermacchi.

fonte: "L’Italia sta ricoprendo di armi il Medio Oriente" - thevision

MATTARELLA HA SCIOLTO LE CAMERE

Si vota dopo 66 giorni, il 4 Marzo.
Nulla di strano, non ce ne siamo quasi accorti. Gentiloni fa da traghettatore come Fulgencio alla Marchigiana, Mattarella continua a fare i "moniti dal colle" che detta così pare una nuova ricetta di biscotti, tutti gli altri invece sono contentissimi e rilassati perché hanno raggiunto la pensione, hanno tutti la stessa faccia di sollievo, simile a quella di Magioglio quando ha scoperto che la chiamata dalla Colombia era per recitare nella serie Narcos e non da parte degli eredi di Escobar per dargli fuoco.
Ricordate però che in questo clima di finta calma c’è una cosa da non sottovalutare, siamo già in campagna elettorale. Ogni notizia che arriva dal mondo politico è già proiettata alla raccolta di consensi. Siate prudenti, informatevi, constatate, controllate, filtrate, leggete tra le righe. E’ da molto che non andiamo a votare, impegniamoci e facciamolo nel migliore dei modi. Non importa chi o cosa votiate ma fatelo con cognizione di causa, siate scrupolosi come quando fate la formazione al fantacalcio, come quando scegliete un rossetto o come quando fate le due cose contemporaneamente.

fonte: "Mattarella ha sciolto le Camere" - Huffpost

Lascia il tuo commento

Comment
Moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

Non ci sono commenti all'articolo.