Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Il fatto

I fiori di Piazza Libertà, dono del Vescovo alla città. Chissà Avellino cosa ne farà...

La prima parte dei lavori ornamentali alla più grande delle aiuole della contestata piazza sono terminati. Tra fiori di ibisco e lantane il risultato è una corona di colore che spezza la monotonia cromatica al centro di forti polemiche. Ora bisognerà capire che cura ne avranno i cittadini...

La nuova Piazza della Libertà va prendendo forma. A un anno esatto dall’insediamento di Monsignor Arturo Aiello alla guida della Diocesi, la prima parte dei lavori ornamentali sulla più grande delle aiuole di Piazza della Libertà possono dirsi conclusi.

Tra fiori di ibisco e di gaura, lavande e lantane, piantate nell’arco di due mesi di interventi che, iniziati lo scorso 9 maggio, hanno visto anche la realizzazione di un sistema di irrigazione automatico - mancante nel progetto iniziale - il risultato è una corona di colore che cinge il verde della piazza, spezzandone la monotonia cromatica al centro di infinite ed accese polemiche.

La scommessa, ora, è capire quanto durerà e quanto gli avellinesi saranno capaci di rispettare e far tesoro del dono che il Vescovo ha voluto personalmente far loro, adottando il verde che si trova al cuore della città. Un gesto di cura dall’elevato valore simbolico che sembra voler indicare ad Avellino la strada per una ripartenza necessaria, attraverso un ritrovato senso di comunità e di civile appartenenza. Sino ad oggi i cittadini non si sono dimostrati particolarmente degni di fiducia, ma la speranza è sempre l’ultima a morire.

Lascia il tuo commento

Comment
Moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

Non ci sono commenti all'articolo.