Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Il commento

Fino alla fine...

Restano cinque i punti di svantaggio dalla prima in classifica Lanusei e le giornate alla fine del campionato si riducono a tre. L’Avellino può solo vincerle tutte e sperare che la capolista perda o pareggi almeno una volta nei suoi prossimi tre incontri. Se così non fosse, sardi in Lega Pro e lupi ai play off. Non è un dramma, con questa squadra vincerli non è assolutamente impossibile

Mentre da Lanusei arrivavano notizie di rigori dubbi, espulsioni a raffica tra le fila ospite, gesti di manette e quant’altro, l’Avellino, su un campo messo a dura prova da un diluvio annunciato, soffriva nel costruirsi la settima vittoria consecutiva e tenersi al passo della capolista che, lo si voglia oppure no, continua a viaggiare a vele spiegate verso la Lega Pro.

A tre giornate dalla fine solo un miracolo sportivo può favorire l’Avellino. Il Lanusei dovrebbe perdere e pareggiare almeno una gara delle tre e la squadra di Bucaro dovrebbe vincerle tutte. La prossima giornata, che si giocherà, giovedì 18 aprile è una di quelle che se la squadra sarda la passa indenne ha più di un piede in Lega Pro. Gli uomini di Aldo Gardini andranno a far visita al Trastevere che dopo aver perso contro l’Avellino si è fermata anche in casa dell’Atletico. I capitolini devono difendere il terzo posto e sono obbligati a vincere, ne uscirà sicuramente una bella gara.

Bisogna guardare in faccia la realtà e l’Avellino, onestamente, lo sta facendo da tutto il girone di ritorno. Cinque punti a duecentosettanta minuti dalla fine dei giochi sono veramente tanti. Importante per i lupi è aver blindato il secondo posto che le consentirà di giocarsi la semifinale e l’eventuale finale di fronte al proprio pubblico. Importante anche continuare a macinare gioco e vittorie, sopratutto perché, in una partita secca, bisogna essere concreti e spietati.

L’Avellino oggi è una corazzata per la categoria. Ha sempre l’undici migliore in campo e gli uomini giusti in panca che in qualunque momento possono cambiare la partita. La squadra gioca a memoria e, quando non si fa sopraffare dall’ansia del risultato, esprime anche un bel gioco. E’ decisamente la migliore compagine del campionato che forse non riuscirà a lasciare la categoria attraverso la porta principale ma lo merita sicuramente dopo la vittoria dei play off.

Non c’è tanto da ragionare dunque su quello che dovrà succedere da qui alle prossime tre settimane. Gli uomini di Bucaro dovranno battere nell’ordine Lupa Roma, Torres e Latina. Dovranno sperare che il Trastevere batta il Lanusei e che una tra Calcio Budoni e Lupa Roma ci pareggi. Se così bene, altrimenti play off. L’importante è crederci fino alla fine.

Foto copertina: Mario D’Argenio

Leggi anche Si soffre, ma si vince. L’Avellino supera anche il Budoni

Leggi anche «La partita più bella. La vittoria è dell’intero gruppo»: mister Bucaro elogia i suoi

Leggi anche «Abbiamo l’obbligo di non mollare, magari giovedì il Lanusei perde»: Sforzini continua a crederci

Lascia il tuo commento

Comment
Moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

Non ci sono commenti all'articolo.