Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Ex Irisbus, gli operai ai parlamentari: «Finite le feste, ora mettetevi al lavoro per la nostra vertenza»

«Cari onorevoli Gubitosa, Maraia, Pallini, Sibilia e Grassi, le feste sono finite e a voi tocca ritornare al vostro lavoro: risolvere i problemi della gente». Comuncia così la nota di alcuni operai dell’ex Irisbus, che incalzano la deputazione irpina.

«Come avrete certamente saputo in questi giorni si scrive, si parla e sparla molto sul futuro della ex Irisbus e dei suoi dipendenti paventando “spezzatini”, "riconversione", riduzione di personale (PMI), "dispersione" dei lavoratori in tutte quelle fabbriche (ZES) che dovrebbero sorgere in Valle Ufita. Quindi, visto che siamo lavoratori di quella fabbrica, ci sentiamo in dovere di precisare quanto segue: Il nostro stabilimento ed esattamente i tre capannoni che lo compongono,(Centrale, Verniciatura, Finizione) più la pista di collaudo, non devono in alcun modo essere spezzettati per favorire la nascita delle ZES , che, per le nostre terre, dovrebbero essere una aggiunta alla domanda di lavoro e non certo una sottrazione!

Noi riteniamo che in quei capannoni si debba continuare a lavorare per produrre gli autobus che servono al Paese e, continuiamo ad essere convinti che questo si possa fare solo con la Nazionalizzazione della fabbrica e non con “prenditori” farlocchi che vorrebbero continuare a sfruttare soldi di finanziamenti pubblici più per arricchirsi che per creare lavoro vero. E continuiamo ad essere sicuri che se davvero si vuole rinnovare un parco autobus fatiscente e fuori legge bisognerebbe addirittura mettere mano alle assunzioni altro che le 250 unità previste dalla Piccola e Media Impresa!
Pensiamo che la parte scoperta del terreno mai utilizzata nemmeno da Fiat) che non serve ai fini della produzione di autobus, se occorre, può essere ceduta all’ASI per attirare i decantati nuovi investimenti che dovrebbero dare nuova occupazione e non riciclare vecchia mano d’opera da traghettare alla pensione!

Questo, in parole povere, è il nostro pensiero, gradiremmo conoscere finalmente anche il vostro, l’impegno impiegato su questa vertenza e "lo stato d’avanzamento" del vostro lavoro nel merito. Per questi motivi chiediamo di incontrarvi quanto prima per capire, chiarirci e decidere quale strada si intende percorrere».

Lascia il tuo commento

Comment
Moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

Non ci sono commenti all'articolo.