Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

La vertenza di Pianodardine

El.Ital. Spa: il “fallimento” della politica irpina

Al Tribunale di Avellino nessuna traccia del concordato preventivo. Il destino dell’azienda sembra essere segnato ma il mondo della politica locale sembra non essersene proprio accorto. Silenzio assordante dal Pd così come dagli altri partiti. Proclami e impegni da ogni parte politica si sono persi nelle promesse dell’amministratore delegato. In questo disastro sono davvero in pochi a salvarsi

La vertenza El.Ital. Spa. sembra ormai essere arrivata al capolinea. Lunedì 23 gennaio 2017 era il termine ultimo per l’azienda per presentare un concordato preventivo, tentativo estremo per salvare l’azienda dal fallimento. Da quanto i legali delle sigle sindacali sono venuti a conoscenza, presso la cancelleria del Tribunale di Avellino non è stato fatto recapitare alcun concordato preventivo, né altro. A questo punto sembra che non ci sia più alternativa al fallimento che potrebbe arrivare tanto nelle prossime ore quanto nei prossimi giorni. I sindacati dovrebbero essere informati tramite PEC (Posta elettronica certificata) della decisione del tribunale.

Del fallimento dell’El.Ital., però, operai a parte, sembra non interessare a nessuno. Un silenzio assordante da parte di politica ed istituzioni sulla possibile chiusura di uno degli stabilimenti più importanti del nucleo industriale di Pianodardine. Fa notizia il sit in degli operai in protesta davanti al Tribunale di Avellino o davanti allo stabilimento, ma il tempo di vederla comparire sui portali locali o sui quotidiani che presto passa in coda.

Che fine ha fatto il Partito Democratico che un anno fa, prima delle elezioni Regionali se la memoria non inganna, prometteva di alzare le barricate insieme ai dipendenti? Che ne è stato dell’impegno promesso dalle istituzioni che hanno drizzato le antenne quando c’era da cavalcare l’onda salvo poi dileguarsi nel nulla quando si è capito realmente la difficoltà della verteza.

Sono rimaste le interrogazioni parlamentare del deputato pentastellato Sibilia o di Sinistra Italiana Giordano ma a poco sono servite. E’ rimasto ora l’impegno del Presidente della Provincia che si è impegnato con i lavoratori, una volta che la parola fine sarà scritta, a fare il possibile, a livello ministeriale, per garantire la cassa integrazione straordinaria fino a giugno 2017.

Il fallimento dell’El.Ital. è il fallimento della politica irpina.

Lascia il tuo commento

Comment
Moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

Non ci sono commenti all'articolo.