Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

La XVI edizione

Cultura e promozione del territorio, torna Sentieri Mediterranei

“Musica in Abbazia” al Loreto il 20, 26 e 27 luglio e poi la rassegna in scena a Summonte il primo, il due e il tre agosto

Presentato, nella splendida cornice del Salone degli Arazzi dell’Abbazia del Loreto, il programma dell’immancabile appuntamento dell’estate irpina: “Sentieri Mediterranei”.

Al tavolo dei relatori il primo cittadino di Summonte, Pasquale Giuditta, ideatore e coordinatore dell’evento, Luca Beatrice, presidente del Gal Partenio e Padre Andrea Davide Cardin, responsabile culturale del festival.

Si è giunti alla XVI edizione di un evento ormai caro all’intera comunità e che si prefigge l’ambizioso obiettivo di far incontrare culture e linguaggi del mondo, attraverso l’integrazione e l’intercultura legata alle tradizioni, alla storia e all’identità del territorio.

Anche per la sedicesima edizione è stata confermata la presenza del Direttore Artistico Avitabile che cura la scelta del casta artistico. L’evento ha un calendario denso di appuntamenti che non si limitano al solo ambito musicale ma spaziano tra cultura, religione e integrazione.

Si parte con “Musica in Abbazia”: la musica, lo sappiamo bene è linguaggio universale e rappresenta uno degli strumenti che educa alla tolleranza verso gli altri e favorisce la conoscenza e la solidarietà tra i popoli; saranno eseguiti concerti sinfonici, concerti lirici e musica cameristica nelle giornate del 20, 26 e 27 luglio.

Come ha spiegato il sindaco Giuditta: «La realizzazione di questo evento è ogni anno qualcosa di straordinario e per il 2014 punta ad uno sviluppo del territorio partendo da ciò che si ha, valorizzando i piccoli borghi e mettendo in campo le eccellenze artistiche e territoriali al servizio dei cittadini».

Non solo musica, quindi, ma anche giornate a contatto con la natura, organizzate da Irpinia Trekking e dal Club Alpino Italiano e giornate di approfondimento e confronto. Il primo e il 2 agosto l’Anfiteatro della Torre Angioina di Summonte sarà cornice di due importanti dibattiti: “Sguardi sulle migrazioni” con un approfondimento sull’integrazione e l’intercultura, attraverso la genesi e le prospettive del fenomeno dei flussi migratori, con la partecipazione del giornalista del Corriere della Sera Gian Antonio Stella, l’Associazione Napoli Novantanove e la giornalista Rai Licia Colò.

Il 2 agosto si continua con “Il Territorio e i borghi: cambiamo per crescere” con la partecipazione di Carlo De Vito dell’Associazione “Quali Velocità Quali Città” e coordinato dal giornalista del Corriere della Sera Sergio Rizzo e l’importante contributo di prestigiosi urbanisti spagnoli che valuteranno le potenzialità del nostro territorio.

Giuditta ha poi sottolineato come «Sentieri Mediterranei sia un motivo di grande orgoglio per la nostra terra che merita di essere conosciuta ed apprezzata anche fuori dai confini regionali; una proposta unica di grande spessore che tocca non solo il Comune di Summonte, ma che quest’anno dialoga ed interagisce con due paesi partner: Sant’Angelo a Scala e Capriglia Irpina saranno la cornice di due concerti il 9 e il 10 agosto».

Il valido e ambizioso progetto di Sentieri Mediterranei guarda già all’edizione 2015 con la creazione di un dialogo interreligioso tra popoli distanti anche migliaia di kilometri ed uniti dalla passione per la musica e la cultura.

Lascia il tuo commento

Comment
Moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

Non ci sono commenti all'articolo.