Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

L’appuntamento

Con le cuffie nelle orecchie / Dicembre: Musica vs Christmas Compilation

L’attesa delle vacanze natalizie fa di dicembre un mese di passaggio. E però, dribblando tra i vari “greatest hits”, “the best of” e Xfactor, si scoprono novità nascoste tra la folla. Da Sufjan Stevens a Tom Rogerson e Brian Eno, passando per gli scozzesi Belle e Sebastien, si arriva ai suoni di casa nostra, con Jovanotti e Frah Quintale, presto di passaggio anche in Irpinia. Con l’augurio che il nuovo anno vi porti cuffie migliori delle vecchie

Ultimamente prima di uscire controllo sempre se da qualche parte ho lasciato le cuffie. Un paio le ho in borsa e un paio le lascio sulla scrivania. Il solo pensiero di dimenticarle o di perderle a volte mi lascia senza parole. Dicembre è il mese dell’attesa, delle file interminabili e della folla in strada: senza le cuffie come si fa a rilassarsi?

Un disco uscito gli ultimi giorni del mese scorso è quello di Sufjan Stevens “The Greatest Gift - Mixtape”. Dopo aver collaborato con il “gruppone” Palnetarium, con questo disco sperimenta e si evolve. Un processo creativo di remix, di registrazioni fatte con l’Iphone, di live ripresi direttamente dal suo ultimo tour.

A distanza di tre anni gli U2 pubblicano il loro quattordicesimo lavoro: “Songs of Experience”. I testi delle canzoni sembrano racconti scritti con una certa consapevolezza di situazioni politiche e personali. Un disco sicuramente più sofferto e maturo, fratello maggiore del precedente. La band era tornata prima in studio e poi in tour per celebrare “The Joshua tree”. Non rinnegano in alcun modo le loro origini ma cercano nuove strade e nuovi modi per percorrerle.

Il pianista Tom Rogerson e Brian Eno collaborano e pubblicano “Finding Shore”. Elegante, evocativo, emotivo, catartico: un viaggio dall’infanzia a ora. L’improvvisazione e l’influenza di Eno permette a Rogerson di superare la sua paura di impegnarsi su ogni singolo pezzo e trasformarlo in un album.

“Revival” di Eminem sembra un grande pasticcio. Qualcosa è andato storto, delude ma forse non se lo aspettava. Il suo lavoro era migliorato moltissimo e si era evoluto nell’hip-hop, ma con questo ultimo disco è come se avesse fatto molti passi indietro. Peccato perché Eminem è un bravo rapper e un buon produttore.

Esce il primo di tre ep dei Belle and Sebastian: “How to solve our human problems part-1”, a cui seguiranno le uscite del 19 gennaio e del 16 febbraio. Cercano modelle e modelli per le copertine dei prossimi ep e faranno uscire un cd e un vinile con la raccolta degli ep in edizione limitata. La band pop rock scozzese si inventa qualcosa di nuovo per distinguersi ancora.

Parliamo di bei regali da farsi in questo periodo, di dischi da poter scartare a cavallo tra il vecchio e il nuovo anno. Vi segnalo: “Being there” (deluxe boxset) dei Wilco e quello degli Elbow, “The best o­­­f”.

Il gruppo statunitense dei Wilco riproduce l’album del 1996 “Being There” come cofanetto deluxe da cinque cd insieme a una versione ampliata del loro album di debutto del ’95 A.M. Gli Elbow, invece, con il The best o­­­f fanno un pieno di ricordi. Una carriera che dura da oltre 20 anni celebrata con l’edizione deluxe. Nella raccolta c’è anche un secondo disco di tracce di album aggiuntive.

Ultimo spazio è riservato alle uscite italiane. Dribblando le compilation natalizie, i singoli ad hoc per il periodo e Xfactor, vi propongo Frah Quintale con “Regardez moi”. Uscito poco prima dell’arrivo di dicembre, Francesco Servidei, pubblica il suo primo lavoro da solista. Con il testone alla “Frank” suona un po’ indie-pop, un po’ rap. Sarà di passaggio in concerto anche in Irpinia prossimamente.

Poi c’è Jovanotti con “Oh, vita!”. Parlando del suo produttore Lorenzo afferma:«“Cosa ha portato Rick Rubin dentro questo album? Ha tolto, quindi ha portato…». Rick Rubin ha creato un suono più essenziale nella quantità enorme di informazioni­­ tipica di Cherubini. Sincero e pop come sempre.

Dicembre è volato, abbiamo scartato tutti i pacchetti regalo e il 2018 è oramai qui. Di sicuro ci saranno tantissime nuove cose da ascoltare: a voi auguro delle cuffie nuove migliori delle vecchie.

Buona fine e buon inizio.

Lascia il tuo commento

Comment
Moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

Non ci sono commenti all'articolo.