Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Facezissime

Che Dio ci stipi Venezia: senza nulla a pretendere

Sempe come si ‘o fatto non fosse ‘o suo, sempre con lo stesso spirito, sempre, come egli ci ha insegnato, con gli occhi languidi e il cuore intriso di gioia

È mancato davvero tanto a tutti ma sapevamo che prima o poi si sarebbe fatto vivo con uno dei suoi incommensurabili colpi di classe. Enzuccio Venezia figlio e prevete è ancora tra noi e ce lo ha ricordato proprio lui, con un colpo di inarrivabile maestria, uno di quei colpi di genio che scavano un solco incolmabile tra chi lo compie ed il resto del genere umano. Andiamo con ordine.

Con piglio severo,Enzuccio ha preso carta e penna e non ha fatto prigionieri, il suo intento era quello di aprire le danze in vista delle regionali e quel che ne è venuto fuori è un rave party.

Enzuccio parte lemmo lemmo, così come l’usanza democrista impone, e con tono mesto ripercorre la tragedia delle provinciali, scosuta che definisce «devastante» al punto da poter addirittura «condizionare negativamente le prossime Regionali e, a cascata, gli altri enti di servizio». Scosuta tale – prosegue il nostro - «che nisciuno se ne po fotte, fijurammici Valentina r’Atripavara, che sta a Roma pe voti ri cammielli nuosti e mo s’è puro assettata co quillo riavilo e Renzi indo ‘o partito, fijurammici Giggino ra Frigiento ca non sape manco a ro ne vene, addo sta e pecché. Si fottessero a si piglià ‘o loro, che a sa piglià co quilli dui poveri Cristi, Paolone e Albano De Blasio, so tutti buoni. E si pigliassero ‘o loro tutti quanti, che qua a potè parlà simm ‘a pochi e nui e invece tutti allucchino e vanno trovanno babbà. Loco stanno troppi ialli che abballino n’copp ‘a munnezza, chi a vo cotta e chi a vo crura, chi già si sta facenno e cunti pe gli ‘a Regione. E ‘o primo è De Stefano, che già adda ringrazià a Maronna si sta ancora là, facesse ‘o bravo e non si esse a venne quello che no tene. Isso e puro l’ati. Quilli i posti quatto so e serve gente che tene cammielli ‘o vero, no ‘m brellini che non tenino no voto manco ind ‘a riunione e condominio».

Analisi sublime alla quale il Nostro fa seguire considerazioni che non lasciano spazio alcuno al dubbio: «Si accossì stann e cose, levanno ‘a miezzo Rosetta ‘o riesto si po sta ‘a casa, l’unico che s’adda joca sta partita è Enze, che ancora sta jastomanno pe come so jute ‘e cose di anni fa e che tene a si leva na preta ind’ ‘a scarpa rossa quanto na muntagna. A puleteca è ‘n fame, pe carità, ma caccheruno avesse puro potuto rice grazie, visto ca si trova addò sta no pe opera e virtù ro Spirito Santo ma pecchè Enze s’è fatto fa. E se non si sta accuorto si fa fa n’ata vota e arroppo ce ne potimmo i tutti quant ‘a casa: mo s’adda candidà, senza perde tiempo. Che ‘o treno pe Roma, come stann e cose, passa ‘o dumilaericiotto. Ra mo a tanno ci sta tiempo pe morì».

Questo e quanto e dicimmici ‘a verità: Enzuccio tene parecchie ragioni. Quilli dui a Roma parino ‘e pasturi ra meraviglia e tra tutti quilli che vanno trovanno e si candidà, ricimm e cose como stanno, uno buono non ‘o truovi manco si ‘o pavi. E tene puro ragione quanno rice che a sa piglià sulo co Albano e Paolone è troppo facile, che ‘a scosuta pigliata e provinciali è stata devastante, che a giostra gira malamente e che accossì come stanno mise e cose non vanno a nisciuna parte.

‘O problema, però, è che a Paolone lo ha candidato proto Enze, che tutti sti ialli che abballino ‘n coppa ‘a munnezza so figli sui, che si ‘a giostra vota malamente è pecché so dui tre anni che ‘o giostraro no sta capenno nienti.

Ed è qui la grandezza di Enzuccio la cifra poetica del suo ennesimo capolavoro. Pecchè ‘o giostraro non è Enze, ‘o giostraro è proto figlio e prevete che so quarant’anni che cose e scose una continuazione, aiza palazzi e po’ e votta ‘n derra, co ‘na mano fa e n’ata sfa, votta prete e nasconne mani, battezza e accire criaturi. Sempe come si ‘o fatto non fosse ‘o suo, sempre con lo stesso spirito, sempre, come egli ci ha insegnato, con gli occhi languidi e il cuore intriso di gioia. Sempre, aggiungiamo noi, senza nulla a pretendere.

E questo lo rende un grande, un gigante della ‘n drecchia puleteca senza il quale proto non saremmo capaci di vivere. Che Dio ce lo stipi.

Lascia il tuo commento

Comment
Moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

Comment

Adeguo scrive:

Ma è possibile che Venezia sta sempre in mezzo???? E’ bello comandare da dietro le quinte, seminando zizzanie a destra e manca. Lasciando stare il curriculum politico, discutibile o meno che sia, ma che giovamento da al Pd la sua "ingombrante" presenza? Ma visto che ha già cambiato tanti partiti nella sua immensa longevità politica, non ci può fare il piacere di cambiarne un altro e lasciare morire il PD in santa pace?? Ma perchè lui ed i suoi compari non si camdidano, così ne pesiamo il seguito? Scusate lo sfogo, capisco che nessuno mi darà una risposta alle domande sopra esposte per ovvie difficoltà, ma almeno trovo qualcuno che mi riporti in mente qualcosa di buono fatta dal Sig. Venezia per la città di Avellino?

Comment

Alberto scrive:

Secondo me la polpetta avvelenata questa volta Venezia l’ha servita proprio ad Enze... Le provinciali hanno dimostrato che i cammelli di De Luca, senza cibo e acqua, si sono persi nel deserto. Vuoi vedere che sta giocando in proprio?

Comment

Lo zio vescovo scrive:

Sono sicuro che è il "consigliori" segreto di Paolo e Stefano. Questo non sarebbe un guaio se non fosse per il fatto che li sta guidando verso un patibolo autosuicida. Prima o poi lo capiranno entrambi e sarà troppo tardi per l’intera popolazione.