Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Il cantiere

Centro per l’Autismo blu come la gioia di vivere: che sia davvero la volta buona?

Facciata principale pitturata di blu, impalcature rimosse e spazio antistante il centro spianato e ripulito. Ultimi dettagli prima della consegna definitiva che dovrebbe precedere le elezioni amministrative. Il Prefetto vuole rispettare un patto preso con la città e lasciare al nuovo sindaco l’onere della gestione

Solo pochi giorni fa, in occasione della Giornata Mondiale per la Consapevolezza dell’Autismo, la società civile si è tinta di blu, il “colore-simbolo”, per promuovere la conoscenza di questo disturbo e la solidarietà nei confronti dei bambini e delle persone che ne sono affette. La città di Avellino non è stata da meno. La Diocesi è stata illuminata da enormi fari colorati di blu, gli alunni delle scuole primarie hanno sfilato in Piazza Libertà e anche la Sidigas Avellino, la società di pallacanestro della città, ha esposto uno striscione in occasione della sfida interna contro la squadra di Trieste.

Dei palloncini blu sono stati legati all’interno del cantiere del Centro dell’Autismo di Valle. Il blu è rimasto ma quei palloncini non ci sono più. Salta agli occhi, a chi dovesse transitare per la Strada Provinciale 70 che porta a Mercogliano, che la facciata principale del centro è stata completamente verniciata di blu e che le impalcature presenti fino a qualche giorno fa sono state rimosse.

Al di là dell’aspetto meramente estetico e del colpo d’occhio a cui non si può non fare caso, si evidenzia che i lavori di completamento del centro per l’autismo di Valle effettivamente volgono al termine. La parte antistante la struttura e quella laterale sono state completamente ripulite e spianate. Oggi sono parte integrante del centro. Oltre a qualche ritocco qua e là manca la recinzione, ultimo tassello per la consegna definitiva dei lavori.

Il Commissario Prefettizio, ai primi posti degli impegni presi con la città ha la consegna del Centro per l’Autismo. Vuole chiudere un libro aperto da più di dieci anni e lasciare al nuovo sindaco l’onere di occuparsi della gestione futura del centro. Dall’attività che si registra in questi giorni è probabile che il Prefetto Priolo riesca nel suo intento. Sarà anche l’occasione per cancellare il Centro per l’Autismo dalla prossima campagna elettorale. Per ora il blu, colore del silenzio, della calma e della tranquillità, della tenerezza, della gioia di vivere. Poi la speranza che sia davvero la volta buona.

Lascia il tuo commento

Comment
Moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

Comment

Mario45 scrive:

È un enorme schiaffo a tutti politici che si sono avvicendati sulle poltrone sia da dirigente che da consigliere del comune di Avellino tutti inclusi maggioranza ed opposizione che si sono avvicendati dall ’inizio della costruzione. Prendano esempio di come si amministra e che nessuno di loro si candidi alle elezioni prossime. Ne tenga conto chi sta preparando le liste dei candidati parlo del partiti e liste di tutte le fattispecie, associazioni vere, false e sotto mentite spoglie, e non tengano conto dei suggerimenti di personaggi, ex sindaci, consiglieri, assessori e dirigenti di enti e aziende pubbliche che hanno portato allo sfascio e al servizio della mala politica di cui finalmente ci stiamo liberando. E diamoci una bella spinta spingendo questi personaggi che hanno la bella faccia tosta di occupare le platee di circoli associazioni e chiese, mandandoli a quel paese. Scusatemi per lo sfogo e mi rivolgo ai cittadini per bene che come me hanno assistito a innumerevoli teatrini come quelli che avvengono in questi giorni.