Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Il dopogara tra Catania e Avellino

«Rigore inesistente ma stiamo perdendo tempo. Serve un attaccante»: furia Capuano

Il tecnico biancoverde: «Sono deluso. A pochi giorni dalla fine del mercato ancora non abbiamo acquistato un terminale offensivo che era il nostro obiettivo principale. Abbiamo dei limiti tecnico-tattici ma abbiamo soprattutto problemi di quantità»

Dopo la sconfitta del “Bonolis” di Teramo i lupi di mister Eziolino Capuano escono con le ossa rotta anche dal “Massimino” di Catania. La prima marcatura di Zullo ha solo contribuito ad illudere i biancoverdi raggiunti prima dalla reti di Curiale e sorpassati poi dalla doppietta di Vincenzo Sarno. Ecco le dichiarazioni che il tecnico biancoverde ha rilasciato ai colleghi di ottochannel.tv.

DI SEGUITO LE DICHIARAZIONI DI MISTER EZIOLINO CAPUANO - «Vedo la prestazione della mia squadra, soprattutto nel secondo tempo. Se c’era una squadra che meritava il vantaggio quella eravamo noi. Non mi va di parlare di errori arbitrali, visto il deferimento dopo la Ternana. Non si può dare un rigore del genere. Abbiamo dei limiti enfatizzati ancor di più dalla mancanza di alternative. Mi sono stancato di questa situazione, serve una punta».

LA GARA - «I miracoli non possono esser eterni. Abbiamo sofferto negli ultimi dieci minuti del primo tempo, poi abbiamo ridisegnato la squadra e siamo stati bravi a gestire la partita. Dispiace perdere così. Abbiamo dei problemi di quantità e mi dispiace dirlo ma si sta perdendo tempo. Non è possibile non aver acquisito un attaccante che era l’obiettivo principale del nostro mercato».

IL RAMMARICO - «Sono stato sempre preoccupato per la mia squadra. Sono deluso. È quasi finito il mercato e non abbiamo ancora comprato un terminale offensivo».

LE CONDIZIONI DI CELJAK - «Ha preso dei punti di sutura. Speriamo di recuperalo».

Leggi anche L’Avellino regge, Morero regala e il Catania ringrazia: passivo amaro per i lupi

Leggi anche «Rammaricato per il risultato e l’espulsione di Parisi. Testa al Picerno»: l’analisi di Zullo

Lascia il tuo commento

Comment
Moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

Comment

Enzo scrive:

Rigore inesistente,il calcio sta finendo che schifo.Sono deluso,non ho parole.Sbagliare è umano ma perseverare è diabolico. All’Avellino non l’avrebbero mai dato,poi per non parlare dell’espulsione di Parisi,ci vogliono male e basta.Mi sa che se si continua così non seguirò più il calcio......

Comment

Giu Lom 76 scrive:

Mister ha perfettamente ragione. Di Somma in una settimana fece una squadra. Questi in 10 giorni non sono riusciti a comprare nemmeno mezzo attaccante.
Fiducia fiducia fiducia........ Mi sono rotto il ..... di dare fiducia agli affaristi di turno.
Capisco la sua legittima voglia di allenare in una piazza come Avellino ma con immenso dispiacere vorrei dirle che, a differenza di 30 anni fa, il tifo avellinese (tranne pochi elementi) è finito. Ora si consente TUTTO a TUTTI.......... PUGLIESE, TACCONE E DE CESARE ne sanno qualcosa.
Mo tocca a Martone e al padrone occulto.