Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Calabritto, Caposele e Senerchia insieme per il progetto "Acqua preziosa et umile": domani la presentazione

La Parrocchia di Calabritto, insieme a quelle di Caposele e Senerchia, ha visto l’approvazione del proprio progetto denominato “Acqua preziosa et umile”, finanziato con l’avviso della Regione Campania "Oratori, presidi di valori" (Giunta regionale n. 740 del 20 dicembre 2016), approvazione che ha interessato n. 12 progetti sui n. 75 progetti presentati per la sola provincia di Avellino.

Una idea progettuale del valore di 50.000 euro, ideata a quattro mani da Ernesto Donatiello e Luisa Napoliello ma fortemente desiderato dai responsabili degli oratori Luigia Mattia, Donato Gasparro e Lorenza Di Lauro che hanno curato la "tessitura delle reti" tra le parrocchie vicine, oltre a collaborare attivamente alla gestione operativa del progetto. Difatti “Acqua preziosa et umile” testimonia come sia essenziale integrare lo sguardo di chi resta e vive costantemente il territorio locale con chi si allontana ma continua a guardarlo acquisendo altrove strumenti e conoscenze da trasferirvi.

Il progetto di rete, ispiratosi all’enciclica “Laudato sì” di Papa Francesco, intende contribuire alla diffusione dei valori cristiani partendo da una prospettiva differente, quella della tutela dell’ambiente e del patrimonio naturale, utilizzando metodi innovativi e dinamiche di educazione non formale che possano far crescere le utenze e i target delle strutture oratoriali, migliorare la conoscenza della risorsa acqua e del patrimonio idrico dei comuni coinvolti, nonché educare a una fede che si “sporca le mani” nel mondo, per utilizzare le parole di don Tonino Bello.

La presentazione del progetto avverrà a Caposele, Comune capofila, il 10 marzo alle 17.30 con la presentazione e dei risultati della prima fase, ossia le immagini degli interventi strutturali già eseguiti negli oratori di Calabritto, Caposele e Senerchia, in grado di facilitare l’accesso agli edifici da parte delle persone con disabilità, e con l’anticipazione delle ulteriori azioni in itinere.

In particolare nei giorni successivi alla presentazione del progetto partiranno due laboratori ed un evento finale:

  • attività laboratoriali sul teatro e la comunicazione digitale (che si terranno tra marzo e maggio 2018);
  • un training finale di cinque giorni, in località Madonna della Neve basato sull’educazione non formale (che si terrà a luglio 2018).

Tali tematiche partono dagli spunti offerti dal contesto locale dal momento che la religione viene demandata ad assumere, a causa del vuoto socio – culturale e della sopraggiunta anomia, un ruolo quasi esclusivo come agente di socializzazione.
Tuttavia nelle comunità sono presenti esperienze teatrali che connotano una sensibilità artistica a cui è, ancora, la religione a rispondere con spazi e risorse; al contempo le comunità sono scosse anche dalla stagionalità estiva dell’emigrazione di ritorno: americani, inglesi, venezuelani che primeggiano nelle processioni con a spalla le devote statue.

Emigranti che si ancorano alle comunità attraverso i social a cui rispondono bene le generazioni presenti sui tre comuni, andando a creare un sottile legame generazionale che sfida le distanze ed i tempi biologici. In effetti non trascurabile è proprio il problema della comunicazione tra le generazioni di cui i social ne denunciano la superficialità.
L’idea progettuale incorpora tali problematiche e potenzialità attraverso il filo conduttore dell’acqua, elemento comune in tutte tali realtà.

I destinatari dell’intervento saranno prioritariamente i giovani residenti nei Comuni di Caposele, Calabritto e Senerchia di età compresa tra gli 11 e i 23 anni a cui sarà garantita la partecipazione gratuita.

In particolare giovani che manifestano interesse per i temi trattati e il mondo della cristianità, che hanno interesse a costruire un percorso che li possa far crescere sia come singolo che come gruppo.

Le iscrizioni potranno essere effettuate seguendo le indicazioni sul sito www.acquapretiosaetumile.it

Domani alle ore 17.30, presso l’Aula Polifunzionale del Comune di Caposele, la presentazione ufficiale del progetto.

Lascia il tuo commento

Comment
Moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

Non ci sono commenti all'articolo.