Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Al Paladelmauro termina 79 a 66

Buva e Nunnally mandano in cielo la Scandone, Trento si deve inchinare

26 punti il primo, 25 il secondo. Partita dai due volti per la Sidigas che ha sofferto ma è riuscita a rialzarsi come non accadeva da tempo. Merito di Sacripanti

Un riscatto globale, che ha visto in Ivan Buva e James Nunnally i due più importanti artefici di una vittoria mai così indispensabile. 79 a 66 il risultato finale al termine di un match esaltante come non si vedeva da tempo.

E’ stata una Sidigas a due facce: disordinata nel primo tempo, cannibale nella seconda parte della gara dove ha annichilito la pur ottima Trento di coach Buscaglia. Immensi Nunnally e Buva, prezioso Blums ma bravi tutti. Soprattutto coach Pino Sacripanti che sta riuscendo a dare un’anima a questa squadra.

LA CRONACA DELLA GARA

ULTIMO QUARTO - L’ultima frazione di gioco si apre come quella precedente, ovvero con uno stillicidio di errori da ambo le parti. Questa volta a rompere il ghiaccio è la schiacciata di Pascolo. Nunnally, due su due dalla lunetta, tiene i bianconeri a distanza. Trento frena, Avellino non accelera ed una tripla di Baldi Rossi riporta sotto gli ospiti: Nunnally rende pan per focaccia e la Sidigas resta a +7, 63-56. Si rivede anche Cervi, puntuale su invito di Green. A 5’’ dalla fine la Scandone mantiene inalterato il vantaggio e la grinta con cui Blums strappa un importante pallone agli avversari concretizza la volontà della squadra di non mollare di un centimetro. Nunnally, aiutato dal ferro, e la tripla del capitano portano i lupi a +12, 70-58, esplode il palazzo mentre Trento annaspa. Sacripanti cerca di gestire il vantaggio ruotando gli uomini in campo per cercare freschezza nei minuti clou, ma Trento rosicchia qualcosa riportandosi a -8 a 1’ e 48’’ dalla sirena finale. Ci pensa ancora Ivan Buva a rimettere i lupi sulla retta via e la gara in ghiaccio. Il match si chiude 79 a 66.

TERZO QUARTO - Errori bipartisan in apertura di quarto, Avellino spreca una quantità industriale di extrapossessi concessi da Trento. Ci pensa Nunnally in schiacciata a riportare sotto i lupi, poi tocca a Buva pareggiare i conti sul 40 pari. Botta e risposta sul filo dell’equilibrio, c’è anche lo spazio per un tecnico a Nunnally. Wright, imbeccato da Poeta si esibisce in uno splendido alley-hoop che scava di nuovo un solco a favore dei trentini, 44-49. Buna ed Acker riportano i lupi ad una sola lunghezza di distanza (48 a 49). La Scandone alza l’attenzione in difesa, e la Dolomiti Energia spreca i 24’’ di possesso: coach Buscaglia si rifugia nel minuto di sospensione. Buna fa bottino pieno dalla lunetta e riporta i biancoverdi in vantaggio, 50-49. Poi si alza dalla lunga distanza e segna la tripla del 53-49: è un Buva show, 55-51. Trento è alle corde, il Del Mauro si infiamma. Il croato continua a segnare ed Avellino sale a + 6. C’è spazio anche per Parlato, mentre Blums va fa uno su due dalla lunetta. Si va all’ultimo riposo sul 58-51.

SECONDO QUARTO - Continuano i problemi in attacco da parte di Avellino mentre Trento gioca con grande scioltezza. Prima Sanders e poi Lockett segnano il nuovo +8 (22 a 30). Scandone senza idee e Flaccadori segna la tripla del +11 (22 a 33). Per i padroni di casa si salva solo Nunnally che trova il suo 14esimo punto e porta Avellino sul -9 (25 a 33). Trento gioca molto con i muscoli e l’aggressività e la Sidigas dimostra di non reggere questi ritmi (28 a 37). Squillo di tromba da parte di Acker e Leunen, una buona difesa su Wright e stavolta è coach Buscaglia a chiamare time out (31 a 37). Avellino torna in campo con un piglio diverso e comincia a costruire la rimonta partendo dalla difesa, la tripla di Blums regala il - 4 e un canestro da sotto di Nunnally il -2. Coach Buscaglia chiama un nuovo time out (36 a 38). Nunnally sbaglia il canestro del pari mentre Lockett si prende e segna due liberi. Il quarto si chiude con il risultato di 36 a 40.

PRIMO QUARTO - Il primo canestro è degli ospiti, a realizzarlo è Sanders da sotto canestro, la risposta di Avellino è affidata a due liberi di Acker. La Dolomiti trova il canestro con facilita con Forray e Lockett ma la Sidigas non è da meno con Leunen e Acker (6 a 6). Schiacciata incredibile di Wright che vola in cielo e subito dopo un gioco Wright-Pascolo che porta gli ospiti sul +4 (6 a 10). Il momento difficile di Avellino viene risolto da Nunnally che da solo si inventa 5 punti e segna anche imprimo vantaggio bianvoverde (11 a 10). Entra Buva che fa subito un paio di pasticci in attacco che fruttano 7 punti di Trento che torna a condurre (11 a 17). Primo time out chiamato da Pino Sacripanti. Blums perde ingenuamente palla e favorisce il canestro del + 8. Finalmente Avellino si sveglia, arrivano due triple, una di Nunnally, l’altra di Blums (17 a 19). Trento però non sbaglia nulla, anzi, riesce a trovare un nuovo break. Solo la tripla di Nunnally a fil di sirena addolcisce il parziale: 26 a 22 per gli ospiti.

Lascia il tuo commento

Comment
Moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

Non ci sono commenti all'articolo.