Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

La curiosità

Bucaro bis? Il mister aspetta solo una chiamata. Ma il futuro dell’Avellino dipende da altro

Il contesto societario sarà determinante, ma il mister siciliano, nel caso in cui qualcuno si facesse vivo non chiuderebbe le porte in faccia a nessuno. Si aspetta il tribunale per conoscere il futuro della società biancoverde in attesa di eventuali conferme

E’ ormai noto da qualche settimana, la situazione in casa Avellino si fa di ora in ora sempre più delicata. Come preannunciato, tutti i nodi, dovrebbero sciogliersi il prossimo 12 luglio, quando i legali della Sidigas Spa dovranno vedersela davanti al Tribunale di Avellino in merito alla questione debitoria della società di patron Gianandrea De Cesare.

Se tutto dovesse filare secondo i piani, con la firma di un concordato in bianco e il conseguente piano di rientro per sanare l’ammontare dei debiti, l’U.S. Avellino 1912, sempre se De Cesare dovesse accettare, sarebbe ufficialmente in vendita e pronta a tuffarsi nella nuova avvenuta chiamata Lega Pro. Un’avventura che, chiaramente, necessita di una programmazione accurata, visto he ormai il ritardo è conclamato.

Se per il ritiro pre-campionato prende sempre più piede la possibilità di una preparazione tra le mura amiche del Partenio-Lombardi, i nodi più significativi sono sempre quelli legati alla nomina del nuovo tecnico, del direttore sportivo e alla successiva campagna acquisti.

Stando alle ultime indiscrezioni, seppur non ci sia stato alcun contatto ufficiale, mister Giovanni Bucaro sarebbe disposto a continuare il matrimonio con la società biancoverde. Gli basterebbe solo una chiamata. Dimenticherebbe in un attimo il mese e più di silenzio, generato dal terremoto in casa Sidigas, e si metterebbe immediatamente a lavoro per la nuova avventura.

Ovviamente, come spesso accade in queste circostanze, il contesto societario sarà determinante. Inutile dire che per affrontare un campionato di Lega Pro servono certezze, così come resta indispensabile ammettere che quello della prossima stagione, sarà un campionato pieno di sacrifici volto al solo mantenimento della categoria. Che dire, la situazione resta complicata. Non resta dunque, per il secondo anno consecutivo, che attendere e sperare che tutto fili secondo i piani.

Lascia il tuo commento

Comment
Moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

Non ci sono commenti all'articolo.