Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Assemblea generale della Cgil di Avellino con la nazionale Ivana Galli e il generale Campania Nicola Ricci

Il segretario generale della Cgil Avellino Franco Fiordellisi così presenta l’iniziativa: «Cogliere le grandi trasformazioni nel modo di vivere e di produrre del nuovo millennio. Nella frantumazione della società e dei rapporti umani serve ancor di più un sindacato Confederale Generale forte, in grado di elaborare la complessità e proporla a lavoratrici e lavoratori, pensionate e pensionati, precari e disoccupati». E proprio di fronte alle opportunità e ai rischi prodotti da quelle trasformazioni si afferma l’esigenza di una grande battaglia per i diritti; non solo quelli civili e politici ma quelli sociali, a partire dal diritto alla conoscenza e alla formazione permanente durante l’arco della vita.

«Questo lavoro sindacale è stato iniziato da Trentin, e dobbiamo renderci conto, agendo contrattualmente, che è una dimensione fondamentale nella vita delle persone. Per questo il lavoro non può essere precario, povero, alienato. La conoscenza, il sapere, sono infatti elementi fondamentali per un lavoro di qualità e per la libertà delle persone. La Politica Sindacale Confederale è questa, e unitaria è ancor più importante».

È altrettanto importante ricordare la piena autonomia della CGIL, e quindi l’elaborazione del programma d’azione e atti di vita in tal senso, come fondamentale requisito, imprescindibile, per un sindacato confederale, ancor di più oggi dopo gli avvicendamenti in Parlamento, affermando il valore della costituzione e della democrazia Parlamentare.

Autonomia, Confederalità sono programma fondamentale e il contributo migliore per una rinnovata unità sindacale «Ci vogliamo battere per la riunificazione e la libertà del mondo del lavoro».

In questo senso il documento Il Lavoro Si Fa strada è un programma operativo “largo” sicuramente, ma da agire individuando Buone Priche, Sperimentando, IL Lavoro che DOBBIAMO immediatamente Programmare e attuare. Confronto con le varie parti, piattaforme, assemblee con lavoratori e cittadini, votazione e valutazione delle piattaforme, programmi di sviluppo sostenibile ambientale per la transizione energetica e Climate Change… (20 -27 settembre assemblee in tal senso. Investimenti sostenibili finanziati dalla Piattaforma Fiscale di Cgil Cisl Uil; Carta dei Diritti; Mezzogiorno e Piano del Lavoro, Giovani Donne.

Lascia il tuo commento

Comment
Moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

Non ci sono commenti all'articolo.