Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy. Continuando a navigare il sito acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Amu, Puopolo: «Basta speculazioni, tuteleremo azienda e lavoratori»

“Sulla vicenda Amu c’è bisogno di fare chiarezza. L’Amministrazione Comunale ha adeguato lo statuto dell’azienda al decreto legislativo del ministro Madia, che ha imposto determinate modifiche. Qualsiasi altra ricostruzione è priva di fondamento. Per quanto ci riguarda, stiamo solo rispettando la normativa vigente che, peraltro, non condividiamo. Il decreto è stato adottato da un esponente del Governo riferimento del Partito Democratico”. E’ quanto evidenzia il vice-sindaco, Giovanntantonio Puopolo sulla questione Amu, che sarà all’ordine del giorno della prossima seduta di Consiglio Comunale di Ariano Irpino, in programma domani 12 settembre.

Il Parlamento ha votato il riordino delle società partecipate, conferendo delega al Governo definita con il Decreto Legislativo n. 175 del 19 agosto 2016, integrato e corretto con il Decreto Legislativo n. 100 del 16 giugno 2017.

L’Amministrazione Comunale, guidata dal Sindaco Domenico Gambacorta, sta operando in tutte le direzioni per tutelare la società. Insieme ai tecnici, si stanno valutando le soluzioni migliori per garantire un servizio agli utenti efficiente ed efficace e i livelli occupazionali. “In ogni caso, l’Amministrazione non può sottrarsi alla regola – aggiunge il vice-sindaco Puopolo – Il nostro impegno continuerà ad essere massimo per difendere un’azienda storica della nostra città. Gli atti finora compiuti lo dimostrano in maniera lampante. Non ci sottrarremo al confronto, ma non possiamo consentire speculazioni su argomenti di tale importanza. Anzi, serve collaborazione nell’interesse dei lavoratori e della comunità”.

Lascia il tuo commento

Comment
Moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Commenti

Non ci sono commenti all'articolo.